Parafrasi: Ed io: " Poeta, ti chiedo in nome di quel Dio che non hai potuto conoscere, per la mia salvezza temporale ed eterna che tu mi meni là dov'or dicesti, sì ch'io veggia la porta di san Pietro Ora sappi, per mia discolpa, che io per primo lodo il rifiuto e il tuo sdegno più forti, li apprezzo e li ammiro. E se tu forse credi che io ti inganni, avvicinati alla fiamma, e fatti dare una prova (della verità delle mie parole) dal lembo della tua veste (accostandolo al fuoco) con le tue mani. Vedi, Segnor cortese, di che lievi cagion’ che crudel guerra; e i cor’, che ’ndura et serra; Marte superbo et fero 5, apri Tu, Padre, e ’ntenerisci et snoda; ivi fa che ’l Tuo vero, qual io mi sia 6, per la mia lingua s’oda. Signore del cielo, io chiedo che l’amore per gli uomini che Ti fece scendere sulla terra Ti induca a rivolgerti al tuo paese amato e sacro. Perciò ti chiedo umilmente (ti priego), e tu, padre, fammi certo se io posso ricevere tanta Grazia, da vedere te nel tuo puro aspetto». La lite tra Achille e Agamennone per Briseide. Per cui egli rispose: «Fratello, il tuo sublime desiderio si realizzerà nell’ultimo cielo, dove si realizzano quelli di tutti e anche il mio. Sappi per certo che se anche tu rimanessi ben mille anni in mezzo a questo fuoco, esso non potrebbe privarti neppure di un capello. Signore Dio, Signore del tempo e dell’eternità, tuo è l’oggi e il domani, il passato e il futuro, e, all’inizio di un nuovo anno, io … Ti chiedo, però, Signore Gesù, di liberarmi da tutti i problemi che ho nella mia vita finanziaria, perché credo nella Tua Parola e che Tu mi guardi e ti preoccupi per la realtà finanziaria che sto vivendo. [ 15 : Io mi rivolgo indietro a ciascun passo] ... Signore del cielo, io chiedo che l'amore per gli uomini che Ti fece scendere sulla terra Ti induca a rivolgerti al tuo paese amato e sacro. Parafrasi e commento del passo sull'Ira di Achille dell'Iliade di Omero. 51: Affinché tu ti liberi da questi timori, ti dirò perché sono venuto qui e quello che sentii nel primo momento che provai per te dolore. 51. – Mio signore (disse alla fine), quando scoprirai chi sono io realmente (cosa che sto per dirti), sono più che sicuro che sarai molto meno contento di me, e sarai forse più contento se io muoio. per il lavoro mal fatto, per il vivere senza entusiasmo e per la preghiera sempre rimandata, per tutte le mie dimenticanze e i miei silenzi, semplicemente… ti chiedo perdono. Da questa tema acciò che tu ti solve, dirotti perch’io venni e quel ch’io ’ntesi nel primo punto che di te mi dolve. Là ogni desiderio è appagato (perfetta), Rettor del cielo, io cheggio; che la pietà che Ti condusse in terra; Ti volga al Tuo dilecto almo paese 4. Da questa tema acciò che tu ti solve, dirotti perch’ io venni e quel ch’io ‘ntesi nel primo punto che di te mi dolve. Io era tra color che son sospesi, e donna mi chiamò beata e bella, tal che di comandare io … Questo che ben sento essere per me l’ultimo istante di vita, voglio però dare voce ai miei veri sentimenti : la presenza di mio padre me lo impediva. Vedi, Signore benigno, per quali lievi cause che guerra crudele; e Tu, Padre, apri, addolcisci e libera i cuori che … Io era tra color che son sospesi, e donna mi chiamò beata e bella, Se fino a oggi ti ho cercato solo per quello che potevi darmi, oggi Ti cerco perché ho capito che ho bisogno della Tua presenza in tutto.