Il presidente stabilisce l’ordine del giorno e convoca la Commissione con cadenza almeno semestrale. Il personale della Polizia di Stato comandato in servizio di missione ha diritto ad una decorosa sistemazione alloggiativa presso le strutture dell’Amministrazione. Nei casi in cui il personale impiegato stabilmente nei servizi non continuativi debba essere impiegato, per particolari ed improrogabili esigenze di servizio, in servizi continuativi ovvero in servizi di ordine pubblico restano salvi i seguenti criteri: 7. Le trattative per la definizione degli accordi proseguono presso l’Ufficio per le Relazioni Sindacali che, entro dieci giorni dalla ricezione della documentazione, convoca le Segreterie Nazionali. 2. Il recupero dei 30 o 60 minuti di cui al comma 1 avviene: 3. Compatibilmente con le esigenze di servizio, il riposo compensativo è cumulabile con il riposo settimanale e con il congedo ordinario. La Commissione è disposta con decreto del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. La flessibilità deve essere programmata settimanalmente e può essere prevista: anticipando o posticipando l’orario di entrata o l’orario di uscita di 30 o 60 minuti per ciascun turno; 2. 8. Nel caso in cui la giornata programmata per il rientro coincida con un giorno festivo o di assenza legittima, non si procede al recupero delle ore di rientro. Proroga dello stato di emergenza. n. 164/2002; criteri per l’esame delle istanze inoltrate dal personale ai sensi del comma 1 dell’art. Ai sensi dell’art. 2. 5 – VERIFICA SULL’ATTUAZIONE DEGLI ACCORDI DECENTRATI. 395, recante “Recepimento dell’accordo sindacale del 20 luglio 1995 riguardante il personale delle Forze di Polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato, Corpo di polizia penitenziaria e Corpo Forestale dello Stato) e del provvedimento di concertazione del 20 luglio 1995, riguardante le Forze di Polizia ad ordinamento militare (Arma dei carabinieri e Corpo della guardia di finanza)”; Regolamento di servizio dell’Amministrazione della pubblica sicurezza approvato con D.P.R. L’eventuale provvedimento di diniego deve essere adeguatamente motivato. Nel caso in cui ne ravvisi la necessità il titolare dell’ufficio può provvedere alla programmazione di ulteriori quote percentuali di lavoro straordinario. Nei 10 giorni successivi all’espressione del parere le Organizzazioni Sindacali si astengono dall’assumere iniziative conflittuali. Eventuali deroghe previste da accordi sottoscritti a livello territoriale, in ragione di specifiche esigenze locali di cui all’articolo 7, comma 6, possono attuarsi tenendo conto dei seguenti criteri: 3. e per il dirigente del servizio cui è assegnato il dipendente che svolge il lavoro straordinario, assunzione di responsabilità gestionale e contabile, allora anche nel caso dell’indifferibilità dall’autorizzazione non si può prescindere, sia pure ex post ed … 198/2006; gestione ed applicazione di quanto previsto dal comma 5, lettera a), dell’art. 170, relativi al quadriennio normativo 2006-2009 ed al biennio economico 2006-2007”. 14 del dpr 395/95 prevede, proporzionalmente all’anzianità di servizio, la durata del congedo ordinario in relazione alle diverse tipologie di articolazione dell’orario di lavoro, secondo la misura indicata nello schema seguente:Nell’anno di immissione e in quello di cessazione dal servizio, la durata del congedo è determinata in relazione ai dodicesimi di servizio prestato.Per quanto attiene i termini di fruizione innovativo risulta l’art. 7. – CENTRI DI RACCOLTA REGIONALI ED INTERREGIONALI V.E.C.A. 1 L’orario di servizio è il periodo di tempo giornaliero necessario ad assicurare la funzionalità e l’efficienza delle strutture e degli Uffici, centrali e periferici, del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. 3. 25 del D.P.R. Il turno di straordinario programmato si configura come orario giornaliero obbligatorio di lavoro. In tali casi, il titolare dell’Ufficio interessato invia alle Segreterie provinciali l’informazione in ordine al periodo, all’articolazione oraria da adottare ed alle esigenze che la determinano e, contestualmente, invita le medesime Segreterie all’incontro per il raggiungimento dell’accordo. ord. n. 782/85, l’ordine di servizio viene redatto giornalmente ed esposto all’albo del Reparto entro le ore 13,00 e, comunque, almeno 12 ore prima dell’orario di svolgimento delle attività previste. Le OO.SS., quali portatori di interessi diffusi dei Lavoratori della Polizia di Stato, possono inoltre esercitare l’accesso agli atti ai sensi degli art.li 22 e seguenti della L. 241/90 motivando adeguatamente la richiesta, anche per altro tipo di documentazione in possesso degli uffici. 6. 68 del citato Testo unico prevede che l’aspettativa per infermità è disposta, d’ufficio o a domanda per un periodo non superiore a 18 mesi consecutivi, quando sia accertata l’esistenza di una malattia che impedisca temporaneamente al dipendente di svolgere regolare attività lavorativa.Il dipendente ha diritto all’intero stipendio per i primi 12 mesi di aspettativa e alla metà per il restante periodo; qualora l’infermità sia riconosciuta dipendente da causa di servizio, permane, per tutto il periodo, il diritto all’intero stipendio.Il tempo trascorso in tale stato giuridico è computato per intero ai fini della progressione in carriera e del trattamento di quiescenza e ... ... Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati. Diversa è la disciplina del riposo compensativo relativamente al lavoro straordinario cosiddetto “emergente” e a quello “programmato”: le ore di straordinario emergente possono essere commutate in riposo qualora l’interessato ne faccia richiesta; le ore di lavoro straordinario programmato – non retribuibili per il completo utilizzo del monte ore dell’ufficio o per il superamento del limite … Post su traordinario emergente e programmato scritto da consapromapolizia. 1. Copia dello stesso è consegnata alle Organizzazioni Sindacali partecipanti e successivamente a quelle che ne facciano richiesta. Detti programmi prevedono corsi di durata non inferiore a tre giorni da dedicare all’aggiornamento professionale in materia di interesse generale, ai quali parteciperà, secondo aliquote da stabilire in sede periferica, il personale in servizio presso gli uffici della Polizia di Stato presenti nelle singole province. L’informazione deve contenere le seguenti indicazioni: L’informazione contiene, inoltre, il dato numerico complessivo delle ore effettuate a titolo di straordinario obbligatorio nel trimestre precedente. 2. avviene in numerose altre realtà Polfer italiane) di utilizzare lo straordinario emergente anziché quello programmato, visto e considerato che spesso i treni arrivano in ritardo o sono soggetti a disguidi vari (investimenti, blocchi linea, guasti ecc.) 5. n. 51/2009. 12 – IMPIEGO DI PERSONALE CON PARTICOLARI REQUISITI. I predetti cicli potranno effettuarsi anche con conferenze e seminari, attuati nel rispetto dei programmi di insegnamento stabiliti dall’Amministrazione con le procedure previste dall’articolo 22, comma 3, del D.P.R. 8 e 9 sono adottate con riferimento a periodi non inferiori ai tre mesi ai sensi dell’art. n° 21) con il quale è stato recepito il Contratto di Lavoro per il triennio 2016-2018 del personale delle Forze di polizia, ha statuito in merito ai “permessi brevi”, prevedendo in … Per ulteriori informazioni e approfondimenti sulla disciplina dell’istituto si possono consultare le circolari n. 333-A/9802.B.B.5.4 del 13.2.1996, e n. 333-A/9807.B.6 del 24.1.2003.Compenso sostitutivoL’art. L’art. La convocazione è effettuata entro 30 giorni dalla cadenza semestrale a partire dalla data di sottoscrizione dell’Accordo decentrato. ART. In caso di impegni esterni, in sede e fuori sede, si considera come servizio, sempre che il trasferimento avvenga in forma collettiva e con mezzi messi a disposizione della Amministrazione: a) il viaggio di trasferimento per il periodo compreso tra la partenza ed il raggiungimento della località ove è previsto lo svolgimento del servizio; b) il tempo dell’effettiva prestazione musicale, dell’attività preparatoria, nonché quello necessario al recupero e alla messa in custodia degli strumenti e dei materiali in dotazione; c) il viaggio di trasferimento per il periodo compreso tra la partenza dal luogo ove si è svolto il servizio ed il raggiungimento della sede di servizio. 25 del D.P.R. 3. Per il personale aeronavigante e per quello addetto al settore tecnico e burocratico dei Reparti Volo si applicano le articolazioni orarie di cui agli articoli 8 e 9 ovvero per i servizi articolati in 5 turni settimanali anche con orario giornaliero di 7 ore e 12 minuti continuativi. 18 del dpr 254/99 prevedono le ipotesi tassative nelle quali è autorizzabile il pagamento sostitutivo del congedo ordinario, maturato e non fruito (cessazione dal servizio per infermità o per dispensa dal servizio disposta dopo il collocamento in aspettativa per infermità; decesso e motivate esigenze di servizio).Si richiamano in proposito le disposizioni diramate sul punto dal Servizio T.E.P. I Titolari degli Uffici Centrali e periferici sedi di contrattazione decentrata convocano con cadenza semestrale i rappresentanti delle corrispettive Segreterie Provinciali delle Organizzazioni Sindacali firmatarie dell’accordo decentrato per un confronto sullo stato di attuazione dell’accordo stesso. L’orario flessibile è applicabile nei servizi non continuativi con esclusione dei servizi esterni di controllo del territorio. La Direzione Centrale per gli Istituti di Istruzione fornisce, anche attraverso le strutture periferiche, i necessari supporti didattici e ad essa dovranno essere comunicati, in via preventiva, i nominativi dei dipendenti incaricati dell’insegnamento, a tal fine formati e qualificati. 25, comma 2, lett. Osservazioni, Tutti i bonus previsti per il 2021 a favore dei cittadini e delle famiglie italiane più bisognose, Fruizione di permessi mensili previsti in una giornata festiva e recupero riposo, Ricorsi – concorso 614 posti da Vice Ispettore 2018, Commissione per il personale del ruolo degli ispettori della Polizia di Stato, La circolare esplicativa 557/RS/01/113/0461 dell’8 marzo 2010, CNEL – Consiglio Nazionale Economia e Lavoro, Tutela dei lavoratori, sindacati e sicurezza nel lavoro. 31 luglio 1995 nr. Al personale di cui al comma 1 non si applica l’art. 7. n. 395/95, ciascun dipendente dispone ogni anno di: 2. ART. 198, recante “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’articolo 6 della Legge 28 novembre 2005 nr. 2. Il numero delle reperibilità giornaliere disposte ai sensi dell’art. In caso di particolari ed improrogabili esigenze di servizio che impediscono la fruizione del riposo settimanale di domenica, detto personale a rotazione, secondo il principio di equità, non potrà essere impiegato nella giornata di domenica per più di due settimane consecutive e, comunque, non oltre due al mese. Emanato il regolamento per... 1) sulla fascia oraria 08,00-20,00 con turni 08,00-14,00 e 14,00-20,00, ovvero, in relazione a specifiche e motivate esigenze di servizio, sulla fascia oraria 07,00-19,00 con turni 07,00-13,00 e 13,00-19,00, secondo aliquote fissate dal responsabile dell’ufficio in maniera da assicurare la presenza di personale in entrambi i turni fermo restando che ogni dipendente potrà effettuare non più di due turni pomeridiani la settimana; Bozza circolare su rilevazione e certificazione dato associativo sindacale al 31.12.2020. Ai sensi dell’articolo 22, commi 4 e 5, del D.P.R. I dipendenti appartenenti ai ruoli dei sanitari ed ai ruoli tecnici della Polizia di Stato dispongono ogni anno di: 3. 81, recante “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007 nr. Essa deve indicare, oltre l’orario di lavoro giornaliero dei singoli dipendenti per l’effettuazione dell’orario d’obbligo settimanale, la giornata in cui, in quella settimana, il dipendente effettuerà il turno di riposo settimanale, i turni di reperibilità, nonché le eventuali prestazioni di lavoro straordinario programmato, i recuperi riposi, i riposi compensativi, il giorno libero dal servizio, le aspettative, i congedi straordinari e ordinari. I dirigenti degli Uffici ripristinano, non appena possibile, la turnazione originaria. N.164/2002), e in materia di permessi Per il personale impiegato occasionalmente nei servizi continuativi, per un periodo di tempo inferiore ai 28 giorni lavorativi la prestazione aggiuntiva dei 13 minuti giornalieri sarà utilmente contabilizzata al compimento dei 60 minuti e remunerata come lavoro straordinario nei limiti dei monte ore assegnati all’Ufficio di appartenenza. Al personale del Corpo di polizia penitenziaria si applicano altresi’ le disposizioni di cui all’articolo 881 del … Gli accordi decentrati sono stipulati tra una delegazione di parte pubblica presieduta dai titolari degli Uffici indicati dall’art. ANCORA LARGAMENTE INSUFFICIENTI I DATI SULL’UTILIZZO DELLO STRAORDINARIO PROGRAMMATO. Infatti, è bene ricordare che lo straordinario obbligatorio (cosiddetto “emergente”) è disposto dall’Amministrazione 2. TITOLO IV – STRARDINARIO PROGRAMMATO, RIPOSO COMPENSATIVO, REPERIBILITÀ. Durata e modalità di fruizioneL’art. del 15.5.2000, dove è previsto che le prestazioni lavorative effettuate oltre l’orario d’obbligo, quale lavoro straordinario non retribuito, danno diritto a giornate di riposo compensativo, da fruirsi entro il trimestre successivo alla maturazione, calcolate in base alle ore di effettivo servizio che si sarebbero dovute lavorare nella giornata programmata per il riposo.Si ricorda che questo istituto può essere cumulato con il riposo settimanale e con il congedo ordinario.Diversa è la disciplina del riposo compensativo relativamente al lavoro straordinario cosiddetto “emergente” e a quello “programmato”: le ore di straordinario emergente possono essere commutate in riposo qualora l’interessato ne faccia richiesta; le ore di lavoro straordinario programmato – non retribuibili per il completo utilizzo del monte ore dell’ufficio o per il superamento del limite massimo spettante a ciascun dipendente – devono essere, invece, commutate d’ufficio.5. 5. 5. I titolari degli Uffici provvedono, con cadenza trimestrale, all’esame delle istanze di cui al comma 1 secondo criteri di priorità concordati preliminarmente con le Segreterie Provinciali delle Organizzazioni Sindacali in sede di accordo decentrato. f D.P.R. 8. A partire dal secondo anno, nell’incontro può, altresì, riscontrarsi l’andamento del ricorso alle ore di lavoro straordinario nell’anno precedente, anche con riferimento alle quote utilizzate per lo straordinario programmato. La scelta delle tipologie di orario di servizio da applicarsi presso gli Uffici deve essere coerente e finalizzata al tipo di servizio. 19 comma 2 A.N.Q. Qualora gli accordi decentrati non siano definiti entro il termine di cui al comma 3, il presidente della delegazione di parte pubblica, entro le successive 48 ore, trasmette al Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Ufficio per le Relazioni Sindacali adeguate informazioni sui motivi della mancata intesa, corredate da proposte utili al suo raggiungimento. 1. 12 del presente Accordo. L’inosservanza delle disposizioni di cui al presente Accordo costituisce violazione contrattuale. 19 ANQ DEL 9 MAGGIO 2016. ART. 1. Sulle materie di cui al comma 4 il Tavolo esprime pareri vincolanti ai quali gli Uffici ove la controversia è sorta, immediatamente informati, dovranno obbligatoriamente conformarsi. 1, co. 1, lett. 24/04/1982 nr. 1. 395 (contratto di … Le trattative potranno essere condotte anche a tavoli separati a richiesta delle Organizzazioni Sindacali. Diversamente nel caso in cui emergano motivate esigenze di carattere personale, il dipendente può richiedere il congedo residuo entro il primo semestre dell’anno successivo.Il congedo ordinario non è riducibile in ragione dell’assenza per infermità, anche se tale situazione si sia protratta per l’intero anno solare. 3. 1. Le trattative per la definizione degli accordi decentrati sono avviate entro e non oltre 30 giorni dalla sottoscrizione del presente Accordo e dovranno concludersi nel più breve tempo possibile e, comunque, non oltre i 60 giorni dalla scadenza del predetto termine. 4. Interruzione e revocaIl godimento del congedo ordinario può essere interrotto per i seguenti eventi: in occasione del ricovero ospedaliero del dipendente o del figlio di età inferiore a 8 anni; nell’ipotesi in cui insorga una infermità con prognosi superiore a tre giorni.A favore del dipendente che, per indifferibili esigenze, sia costretto a interrompere le ferie perché richiamato in servizio, è previsto il rimborso delle spese di viaggio per il rientro in sede nonché l’indennità di missione per la durata del viaggio, qualora ricorrano i presupposti prescritti dalle leggi in materia di missione. Si espongono di seguito alcune delle motivazioni della presente: • Utilizzo dello straordinario come fattore ordinario di programmazione di lavoro e di copertura dell’orario di lavoro, rendendolo “obbligatorio”, “programmato”, ed utilizzato, in netto contrasto con le norme contrattuali. La scelta dell’orario di lavoro, nel rispetto dei principi di cui ai commi 1 e 2, deve assicurare il sereno e proficuo svolgimento del servizio. n. 164/2002 e dal presente accordo, relativamente alle seguenti materie: 5. Su richiesta del titolare dell’Ufficio ovvero di una o più Organizzazioni Sindacali firmatarie dell’accordo decentrato, che rappresentato il 30% degli iscritti della Provincia, e con le stesse procedure e modalità con cui si è definito l’Accordo, sono avviate specifiche trattative per la definizione di modifiche o integrazioni all’accordo decentrato precedentemente sottoscritto. 51, recante “Recepimento dell’accordo sindacale per le Forze di Polizia ad ordinamento civile e del provvedimento di concertazione per le Forze di Polizia ad ordinamento militare, integrativo del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007 nr. Entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del presente Accordo è istituita, presso la Direzione centrale per gli affari generali della Polizia di Stato, una Commissione competente a formulare proposte per l’individuazione dei criteri di cui al comma 2, alla quale sono chiamati a far parte rappresentanti degli Uffici e delle Direzioni Centrale interessate e rappresentanti delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative e firmatarie del presente Accordo. 1. n° 100 del 02-05-2018, Suppl. 00,00-07,00, 07,00-13,00, 13,00-19,00, 19,00-24,00, con la previsione per effetto dei 13 minuti in più espletati per ogni turno, di un giorno libero dal servizio, oltre al riposo settimanale, dopo l’effettuazione di 28 giorni lavorativi, secondo quanto indicato nel prospetto 1 allegato al presente Accordo comprese anche le assenze legittime. 121 /81 ed in lavoro straordinario programmato ai sensi dell'articolo 25, comma 5, letto f), del D.P.R. 5. 14 del D.P.R. Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo giornaliero durante il quale ciascun dipendente assicura la prestazione lavorativa nell’ambito dell’orario di servizio. Limiti Per tutto il personale amministrato sono fissati i seguenti limiti: del 5% per ore notturne rese in giorno festivo e del 25% per ore not-turne o festive TITOLO V – FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. 3. Trova comunque applicazione il disposto dell’articolo 63, comma 5, della Legge 1° aprile 1981, n. 121. 4. 24, comma 5 lett. Entro il mese di febbraio di ciascun anno, presso il Dipartimento della pubblica sicurezza, si tiene un incontro con una delegazione composta da un rappresentante per ciascuna delle Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative e firmatarie del presente Accordo per l’individuazione dei criteri per la ripartizione dei cambi turno. c) del D.P.R. I concerti in pubblica piazza o in ambienti chiusi debbono avere, di norma, la durata massima di 3 ore nella giornata. Nei giorni scorsi la Segreteria Provinciale di ROMA della CONSAP ha incontrato, il Comandante della Sottosezione Settebagni e il Dirigente della Sezione di Roma della Polizia Stradale, nei rispettivi Uffici.Ad entrambe, sono state poste alcune questioni che richiedono adeguata attenzione. Per i servizi di ordine e sicurezza pubblica prevedibili e programmabili, disposti con l’ordinanza di cui all’articolo 37 del D.P.R. criteri applicativi relativi alla formazione ed all’aggiornamento professionale, con riferimento ai tempi ed alle modalità; criteri per la verifica della qualità e della salubrità dei servizi di mensa e degli spacci: criteri per la verifica delle attività di protezione sociale e di benessere del personale; misure dirette a favorire pari opportunità nel lavoro e nello sviluppo professionale, ai fini anche delle azioni positive secondo i principi di cui al D. Lgs. Nella mattinata odierna si è svolto il programmato incontro tra l’Amministrazione e le OO.SS. 2. Per il computo di ciascun giorno di riposo compensativo si fa riferimento alla durata effettiva dell’orario di lavoro relativo al giorno in cui si usufruisce del riposo. 6. 1. Le modifiche o le integrazioni agli accordi decentrati sono efficaci quando vengono sottoscritte dalle parti secondo le modalità previste dal comma 4 dell’art. L’aliquota di personale da impiegare nella giornata di domenica non può essere superiore al 20% della forza disponibile e ogni dipendente non può essere impiegato per più di due domeniche al mese. Il servizio che si protrae oltre le ore 24,00 e fino alle ore 02,00 è considerato prolungamento dell’orario di lavoro del giorno precedente da retribuire a titolo di lavoro straordinario. 6 giornate lavorative per l’addestramento al tiro ed alle tecniche operative connesse alle materie di specifico interesse; 6 giornate lavorative per l’aggiornamento professionale nelle materie di specifico interesse. 164 del 2002, è assunta previe intese con le Segreterie Provinciali delle organizzazioni sindacali firmatarie del presente Accordo. 2. 6. 11 salvo quanto previsto dalla lettera a) del comma 2, dello stesso articolo. L’assenza dal servizio, però, non si riferisce unicamente ai periodi destinati al riposo ma riguarda, altresì, impegni che coinvolgono aspetti familiari e sociali del dipendente.1. CONGEDO ORDINARIOL’istituto del congedo ordinario autorizza il dipendente alla fruizione di un periodo di riposo – di durata proporzionale all’anzianità di servizio e alle diverse tipologie di distribuzione dell’orario di lavoro – per consentirgli il recupero delle proprie energie psico-fisiche.Considerato costituzionalmente un diritto indisponibile e irrinunciabile, il congedo ordinario garantisce anche l’interesse dell’Amministrazione a ottenere una prestazione lavorativa più efficiente.Tale istituto nasce dalla necessità di contemperare il diritto del singolo con le esigenze di servizio di cui deve farsi carico il dirigente dell’ufficio nel programmare i turni di congedo. studio4s.com. Per quel che concerne gli istituti di cui all’art. Nel caso di accoglimento della richiesta di esonero, l’eventuale istanza di revoca presentata dall’interessato produce i suoi effetti in concomitanza della cadenza trimestrale di cui al comma 2.