Come cantare i canti del Signore in terra straniera?». Il compositore, ad esempio, sente la musica nella sua immaginazione. È emblematico il fatto che Bach ponesse in capo alle sue composizioni la sigla “J.J.”, cioè Jesu Juva, “Gesù, aiuta!”, e le suggellasse con l’altra sigla “S.D.G.”, quel Soli Deo Gloria che esprimeva la sua convinzione che la gloria toccasse solo a Dio. Quando Giacobbe, in fuga da Esaù, il fratello beffato, era giunto a Betel, secondo la Bibbia (Genesi 28,10-19) aveva avuto una visione: «una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco, gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa». L’anniversario è occasione per un convegno organizzato dal Pontificio Consiglio della Cultura in programma a Roma da domani a sabato dal titolo “Musica e Chiesa: culto e cultura a 50 anni dalla Musicam Sacram”. Anche per la Bibbia il silenzio o il rumore sono segno di maledizione. È per questo che lo stesso creato è concepito quasi fosse una musica cristallizzata, che ininterrottamente è disponibile all’ascolto umano: «I cieli narrano la gloria di Dio, il firmamento proclama l’opera delle sue mani..., senza discorsi e senza parole, senza che si oda alcun suono. EAN: 9788838415418. Se canti, fischi, o suoni uno strumento, stai facendo musica. Ezechiele, invece, propone persino un canto dei cuochi (24,3-12). Nella mitologia greca, le dee che ispiravano la creatività venivano chiamate Muse. Musica e teologia nella Bibbia. Salmo 92:1, "E' bello dar lode al Signore e cantare al tuo nome, o La musica ha lo scopo di farci ritrovare un’armonia segreta e religiosa sottesa a tutta la realtà, anche a quella che può apparire “dissonante” o “assurda” (cioè “sorda”). È per questo che il tacere del canto è visto come un emblema di giudizio. «La Bibbia in musica» e «Dante in musica»: un duplice grande evento promosso dal Comitato Dante Alighieri di Verona, in collaborazione con la Diocesi e il Comune di Verona, sotto l’unitario titolo «Aspettando il Festival Biblico», a preludio della quinta kermesse scaligera sulle Sacre Scritture in calendario il prossimo 19-22 maggio. profezia (I Corinzi 14:3) di "edificare, esortare e consolare"; non a FUBINI, La musica nella tradizione ebraica, Einaudi, Torino 1994, pp. Il canto e la musica di ispirazione biblica come opportunità di fraternità per il dialogo ebraico-cristiano. Peso di spedizione: 800 g. È, così, divenuta la scala musicale le cui note angeliche permettono ancora a Dio di scendere e parlarci e a noi di ascendere in cielo per raggiungerlo. Il mio amore per la musica, la vita e la Bibbia. Rapsodia e testi poetici di David Maria Turoldo, Libro di Gianfranco Ravasi. Questo intreccio tra musica e fede è, così, divenuto una costante per l’esperienza artistica e religiosa. La Scrittura parla di canto accompagnato da strumenti (salmo 33:2; 150:3-5; Isaia 30:29). La prima menzione del canto si trova, nella Bibbia, dopo il passaggio del mar Rosso. 1) La musica è più antica dell’uomo. 2) Fin dall’inizio è associata a diversi strumenti. I salmi possia­mo dire che rappresentano il canto di brani della Scrittura musicati. È emblematico il fatto che Bach ponesse in capo alle sue composizioni la sigla “J.J.”, cioè, “Gesù, aiuta!”, e le suggellasse con l’altra sigla “S.D.G.”, quel, che esprimeva la sua convinzione che la gloria toccasse solo a Dio. dei Gospel, che erano, vere e proprie predicazioni cantate per un popolo Il Salmo 150 elenca con minuzia l’organico dell’orchestra del tempio di Sion: corno, arpa, cetra, timpano, corde, flauti, cembali, cui si aggiungono le danze e la neshamahche può alludere ai “fiati” ma che, più probabilmente, significa “tutto ciò che respira”, immaginando così una sorta di canto cosmico dei viventi che si associa a quello intonato nel tempio. P. Di Nunzio pag. BRUNETTO SALVARANI «Il primo linguaggio dell’animo fu la lirica. può alludere ai “fiati” ma che, più probabilmente, significa “tutto ciò che respira”, immaginando così una sorta di canto cosmico dei viventi che si associa a quello intonato nel tempio. La donna del Cantico dei cantici è ritratta, nel mezzo di una danza vorticosa, segnata dal ritmo: «Voltati, voltati, Sulammita, voltati, voltati perché ti possiamo ammirare! Sui salici, in mezzo a quella terra, appendemmo le nostre cetre. Genesi 1. Noi ci accontenteremo, ora, di tracciare solo un profilo simbolico della presenza della musica in quel “grande codice” della nostra cultura occidentale che è costituito dalle Sacre Scritture dell’Antico e del Nuovo Testamento. In un certo senso, siamo membri dell’orchestra di Dio. Così abbassai il fucile. Quando Giacobbe, in fuga da Esaù, il fratello beffato, era giunto a Betel, secondo la Bibbia (Genesi 28,10-19) aveva avuto una visione: «una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco, gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa». Esortare: Col canto possiamo esprimere i nostri sentimenti, di gioia e di dolore. I membri dell’orchestra riescono a percepire chiaramente il suono degli strumenti più vicini a loro. Un linguaggio che Dio ha scelto ed incoraggia, per comunicare con il cuore dell’uomo; vedi Salmo 33:1, Salmo 92:1, "E' bello dar lode al Signore e cantare al tuo nome, o Altissimo"; Salmo 147:1 "Alleluia. Quando sulla Babilonia imperiale passerà la tempesta della condanna divina, «il suono degli arpisti e dei musicisti, dei flautisti e dei suonatori di tromba non si udrà più in te... Il canto dello sposo e della sposa non si udrà più in te» (Apocalisse 18,22). Dalla Genesi all’Apocalisse tutto il Libro è intrecciato di musica. All’interno della Bibbia c’è, infatti, una sorta di filo musicale che accompagna tutta la storia dell’essere e dell’umanità. Immaginate un uomo oltre la sessantina che è cieco e ha avuto due infarti gravi. È per questo che il filo della musica accompagna l’intera esistenza illuminandola. Continuando a navigare accetta i cookie. 5 La musica e il canto ebbero un ruolo di primo piano anche alla dedicazione del tempio. Genesi1, un versetto o brano della Bibbia. ... Racconti nella Bibbia Soggetti: Il canto della rana, Gianfranco Ravasi Religione Cristianesimo. 3) La musica e il canto costituivano la principale attività artistica in Israele. Mi fermai molto sulla lirica ebraica, esaminando in ispecie il libro di Giobbe, il canto di Mosè… La distinsi, secondo il contenuto, in religiosa, eroica e amorosa. La stessa creazione è affidata non a una teomachia, cioè a una lotta intradivina, come accade nella varie cosmologie dell’antico Vicino Oriente, bensì a un evento sonoro: «In principio... Dio disse: Sia la luce! Acquistalo su libreriauniversitaria.it! E la luce fu» (Genesi 1,1.3). • Quando un canto sa curare le ferite del cuore usando la Parola di Dio La musica occupò anche un posto negli eventi sociali (Is 5,12) come accenna S. Luca nella parabola del figliol prodigo (Lc15,25). L’appello del Salmista è, comunque, preciso anche nell’indicare la qualità estetica del canto liturgico: «Cantate inni con arte!» (Salmo 47,8). Ci si imbatte, allora, in una lunga serie di canti di guerra il cui scopo è quello di mostrare l’azione del Dio liberatore: si pensi, per esempio, all’inno di Mosè durante la traversata del Mar Rosso (Esodo 15) o al cantico finale del libro di Giuditta (capitolo 15) entrambi accompagnati dall’evocazione di strumenti musicali. E qui cominciai il mio corso. in prospettiva del Concorso nazionale Biblia-MIUR. Toccai della lirica greca e romana, riserbando la trattazione a un corso speciale. musica, si fa notare che la parola "tehillal" usata nei Salmi 33, 147 e Basti solo scorrere i titoli antichi preposti ai Salmi con l’evocazione delle melodie su cui intonarli e sovente con la citazione degli strumenti destinati ad accompagnarli. Si tratta, però, di un approccio squisitamente teologico. Tutta la quotidianità è attraversata dalla musica che riesce a trasfigurare anche gli atti e i gesti più semplici. Esortazione reiterata agli Efesini: «Siate ricolmi dello Spirito, intrattenendovi a vicenda con salmi, inni, cantici spirituali, cantando e salmeggiando al Signore con tutto il vostro cuore» (5,18-20). La sua era una simbiosi sostanziale tra fede e musica, tra lode e canto, tra mistica e tecnica compositiva. Esso rende il suo servizio per lodare Dio, in una lode armoniosa come non esitava a scrivere: «Quando voi ascoltate Bach, vedete nascere Dio… Dopo un oratorio, una cantata o una Passione Dio deve esistere… E pensare che tanti teologi e filosofi hanno sprecato notti e giorni a cercare prove dell’esistenza di Dio, dimenticando la sola!». prof. Pasquale Troìa1Verona, 1 dicembre 2016 , … melodia ed armonia. SONO nato nel 1930 a Tsybuliv, un paesino nella provincia ucraina di Cherkasy. Per chi avesse dubbi che la parola "lode" non implichi la IL CANTO è un dono di Dio. Edificare: La sua è, dunque, una funzione teofanica, svela cioè la presenza di salvezza o di giudizio di Dio all’interno delle vicende umane. caso Asaf, Jeduthun ed Heman erano profeti, chiamati anche i • Quando nel testo c’è un chiaro riferimento ad andare avanti nelle La musica ha sempre occupato un posto centrale nella liturgia cristiana. 3 Dio disse: «Sia la luce!».E la luce fu. Parola" per creare e per salvare). soprattutto, il Salmo 22:3, dove dice che Dio dimora nelle lodi del Suo 22, vuol dire "salmo" o "canto di lode", e quella usata nel 92, "zamar" Il punto di svolta – che spiega queste vicende ma che soprattutto costituisce il pilastro centrale della riforma della musica nella liturgia – è, a ben vedere, l’affermazione della Costituzione conciliare al n. 112: «La musica sacra sarà tanto più santa quanto più strettamente sarà connessa con l’azione liturgica». 5E. Programma della Bibbia. Consolare: Da Introduzione allo spirito della liturgia, San Paolo, Cinisello Balsamo 2001, p. 132-134.. Quale importanza ha la musica per la religione della Bibbia lo si può dedurre facilmente dal fatto che la parola «cantare» (insieme con i suoi derivati) è una delle parole più usate della Bibbia: nell’Antico Testamento il termine ricorre 309 volte, nel Nuovo Testamento 36 volte. Il canto è uno dei mezzi Altissimo"; Salmo 147:1 "Alleluia. Sono ispirati come l’agiografo, ma in proporzione e in analogia alla ispirazione … — Giacomo 5:13. Non la musica, ma le parole esprimono la nostra fede e proclamano un messaggio chiaro (cfr. Lodate il Signore: è bello Ma già nell’Antico Testamento l’oppressione non poteva che essere affidata al silenzio, come dice lo stupendo e tragico Salmo 137: «Sui fiumi di Babilonia, là sedevamo e piangevamo, ricordandoci di Sion. Hans Memling, “Angeli musicanti”, particolare, 1480 circa. Ezechiele, invece, propone persino un canto dei cuochi (24,3-12). Sir 50,18 in tutte le versioni Mostra capitolo. E’ la parola, non il canto a generare la fede; quando il canto porta con sé la parola, la crescita nella … Si incontra anche una malinconica canzone della vecchia prostituta: «Prendi la cetra, gira per la città, prostituta dimenticata; suona con abilità, moltiplica i tuoi canti, perché qualcuno si ricordi di te!» (Isaia 23,15-16). cuore dell’uomo; vedi Salmo 33:1, Questo intreccio tra musica e fede è, così, divenuto una costante per l’esperienza artistica e religiosa. è il verbo "dare lode" o "cantare lodi". Stupenda è quella del vignaiolo proposta da Isaia (5,1-7): «Canterò per il mio amato la mia canzone d’amore per la sua vigna...». La musica e in particolare il canto mi hanno sempre toccato nel profondo. Così la musica accompagnava la mietitura del raccolto (Is 16,10). • Un linguaggio di carattere profetico, perché ha la capacità, come la Cassiodoro, scrittore cristiano del VI secolo, ammoniva: «Se continueremo a commettere ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica». Il cristianesimo raccoglie questo invito: si pensi solo allo sterminato “paratesto” musicale che si è intessuto nei secoli in Occidente attorno ai Salmi e agli altri cantici biblici come il. 37.38.39. Vediamo qui tre tipi di musica nella Chiesa. tutto ciò che riguardava la lode nel tempio (1 Cronache 15, 16 e segg.). • Un linguaggio che parla a tutte e tre le sfere umane: corpo, anima e Eppure la loro voce si espande per tutta la terra, sino ai confini del mondo la loro parola» (Salmo 19,2-5). ... Israele esprimeva con la musica il suo lamento, come fece Gionata (2 Sam 1). Il nesso Bibbia-letteratura va inteso in termini non soltanto di correlazione (la Bibbia e la letteratura), ma anche di identità (la Bibbia è letteratura). Va tuttavia precisato che la Bibbia afferma la preminenza del canto sulla musica (Salmo 68:25; Marco 14:26; Apocalisse 5:9). Il canto della rana Musica e teologia nella Bibbia. (quindi non stiamo parlando solo di musica, ma di musica connessa È suggestiva questa idea di una “musica silenziosa per la quale è necessario aprire una particolare sintonia o canale di ascolto. Piange a calde lacrime e ringrazia Dio per essersi fatto conoscere da lui. Ma già san Paolo ammoniva i Colossesi così: «La parola di Cristo dimori tra voi abbondantemente; ammaestratevi e ammonitevi con ogni sapienza, cantando a Dio di cuore e con gratitudine salmi, inni e cantici spirituali...» (3,16-17). Naturalmente anche l’amore genera musica, danza e canto; molti sono, perciò, i cantici nuziali: «Tu sei per loro», dice il Signore al profeta Ezechiele, «come una canzone d’amore: bella è la voce, e piacevole è l’accompagnamento musicale» (33,32). battaglie spirituali e nelle prove. Numero di pagine: 169. che non sapeva leggere. ... La Bibbia sulla Bibbia: Mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi. Basti solo scorrere i titoli antichi preposti ai Salmi con l’evocazione delle melodie su cui intonarli e sovente con la citazione degli strumenti destinati ad accompagnarli. Notiamo bene che i salmi non si trovano soltanto nel libro dei salmi: molti altri brani della Bibbia hanno la stessa forma di canti, per esempio buona parte dei libri dei profeti. Noi ci accontenteremo, ora, di tracciare solo un profilo simbolico della presenza della musica in quel “grande codice” della nostra cultura occidentale che è costituito dalle Sacre Scritture dell’Antico e del Nuovo Testamento. cantare al nostro Dio, dolce è lodarlo come a lui conviene" e, spirito. Significativa al riguardo è la trama del libro dell’Apocalisse che è una vera e propria palingenesi musicale per soli, coro e orchestra: basta soltanto evocare il grandioso concerto delle sette trombe che squillano nei capitoli 7-8 e 11,14-19 oppure i cori che costellano quasi ogni pagina dell’opera rendendola simile a una partitura musicale. Bibbia. Il Cristianesimo ama il canto e la musica: molte preghiere sono cantate, siano esse riprese dalla Bibbia o composte per accompagnare alcune cerimonie particolari. Possiamo aspettarci una crescita nella fede tra coloro che cantano. Isaia 6:3). Beze’th Jisrae’l (Sal Canto del testo ebriaco e latino del salmo114), stessa melodia (70 d.e.v.?) bontà è grande fino ai cieli, e la tua fedeltà fino alle nubi” (Sal 57,9-11). La musica, poi, per la Bibbia intride anche tutta la storia umana, esaltandola e rivelandone le tracce divine. Guarda caso, anche la musica viene suddivisa spesso in ritmo, Cosa ancora più importante, possiamo esprimere il nostro amore, la nostra adorazione e la nostra lode all’Inventore del canto, Geova. Ma già san Paolo ammoniva i Colossesi così: «La parola di Cristo dimori tra voi abbondantemente; ammaestratevi e ammonitevi con ogni sapienza, cantando a Dio di cuore e con gratitudine salmi, inni e cantici spirituali...» (3,16-17). È per questo che lo scrittore agnostico pessimista franco-rumeno Emil M. Cioran, nella sua opera. Come il silenzio, è un linguaggio di cui abbiamo bisogno per entrare in sintonia con la bellezza di Dio, per scoprire la sua presenza. Nella nostra liturgia [ebraica] questi due testimoni parlano» (A. HESCHEL, La missione del Cantore, in Il canto della libertà, edizioni Qiqajon, Comunità di Bose, Magnano (BI) 1966, 123) La stessa meta ultima della storia, simbolicamente raffigurata nella nuova Gerusalemme, sarà segnata dalla musica. Fondamentale, però, è l’intreccio tra musica e liturgia. Il cristianesimo raccoglie questo invito: si pensi solo allo sterminato “paratesto” musicale che si è intessuto nei secoli in Occidente attorno ai Salmi e agli altri cantici biblici come il Magnificat o il Benedictus.