Quindi anche in questo ambito si può sostenere che, almeno a volte, il punteggio di laurea passa in secondo piano o può risultare addirittura ininfluente. [6] Si legge infatti nella relazione illustrativa: la riflessione della Commissione ha preso le mosse dall’analisi di problemi emergenti dall’applicazione dell’attuale disciplina dell’accesso in magistratura: 1) quello relativo all’eccessivo innalzamento dell’età media di coloro che superano l’esame… 2) quello relativo alle difficoltà incontrate, da parte dell’Amministrazione, per l’organizzazione delle prove d’esame, nella gestione di un sempre crescente numero di candidati, e da parte delle commissioni d’esami, per l’allungamento dei tempi necessari per la correzione degli elaborati scritti. I requisiti d’accesso richiedono espressamente un punteggio di laurea non inferiore a 105 oppure, in alternativa, una media su una selezione di esami non inferiore a 27/30 [1]. n. 160 del 2006. "La Legge per Tutti" è una testata giornalistica fondata dall'avv. 16 del d.lgs. Come diventare magistrati: requisiti. Ma concretamente quanto peso ha il punteggio di una laurea in giurisprudenza, al giorno d’oggi? Ciò non toglie che, considerata l’attuale realtà del mercato del lavoro, l’esperienza lavorativa pregressa assume un rilievo maggiore rispetto al proprio percorso di studi. Per chi ambisce a diventare avvocato, il punteggio di laurea si traduce principalmente in un mero numero. Anche le Università non sono probabilmente del tutto esenti da colpe, in quanto troppo spesso trascurano del tutto l’esercizio della scrittura, dimenticando che la professione del giurista impone quasi sempre l’uso continuo dell’arte dello scrivere. 7-bis. cookies: Privacy Policy. Conseguenza della modifica normativa oltretutto sarà quella di ampliare le discipline di studio per lo scritto: mentre attualmente per prassi il diritto processuale amministrativo già può sostanzialmente essere oggetto della prova scritta di diritto amministrativo, una notevole indiretta novità della riforma è quella di “costringere” gli aspiranti magistrati a preparare per lo scritto anche procedura civile e procedura penale, dato che la prova pratica che “postuli conoscenze di diritto processuale” viene decisa per sorteggio appunto tra penale, civile e amministrativo. Non vorrei sembrare eccessivo nello scomodare l’art. I futuri notai devono svolgere un periodo di praticantato della durata di 18 mesi presso uno studio notarile, e solo in seguito potranno iscriversi al concorso pubblico bandito annualmente dal Ministero della Giustizia, il quale consta di tre prove scritte e una orale. Del resto in Francia la selezione dei magistrati avviene per entrare all’École nationale de la Magistrature (Scuola nazionale della Magistratura), e quindi prima, non dopo la Scuola, come invece avviene da noi. Sebbene normalmente i bandi che illustrano le modalità di accesso a questi percorsi di studio non richiedono tra i requisiti un punteggio minimo, il voto di laurea potrebbe risultare fondamentale. Lo svolgimento di tale tirocinio, del quale vi abbiamo già parlato, è riservato ai migliori laureati in giurisprudenza. Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato. Accadrà così ad esempio che ai prossimi scritti in magistratura per 350 posti, che si svolgeranno ai primi di luglio, non potranno accedere, come invece sarebbe logico, coloro che avranno appena conseguito il diploma della scuola di specializzazione. R.D. – 3. Dopo aver selezionato la classe di concorso richiesta, inserire il titolo di studio di accesso e) prevedere che i laureati in possesso dei requisiti per l’accesso diretto al concorso in magistratura possano frequentare i corsi pratici delle scuole di specializzazione senza obbligo di sostenere l’esame finale. Non a caso infatti, le frequentatissime (e molto costose) scuole private di preparazione al concorso in magistratura hanno sempre come insegnamenti esclusivamente quelli oggetto della prova scritta. Il diritto europeo ha imposto all’ordinamento italiano il recepimento di un principio: l’illegittimità del voto minimo per i concorsi pubblici. L’unica preclusione può riguardare chi ambisce a svolgere la pratica o a lavorare in uno studio legale prestigioso: i grandi studi, infatti, quando cercano nuovi collaboratori, considerano e selezionano gli aspiranti in base al curriculum, e lì un percorso universitario a pieni voti fa la differenza. È chiaro che, trattandosi di uno dei concorsi pubblici italiani più complicati, ambire a questa carriera richiede una conoscenza molto approfondita del diritto. Mia cara luna non c'è alcun sbarramento in materia di voto di laurea...l'unico problema è che da qualche anno la laurea non basta più....ma ci vogliono altri requisiti (quali il conseguimento di un diploma di una scuola di specializzazione per le professioni forensi)....ti lascio l'art.2 del dlgs 160/2006 in materia di requisiti di ammissione al concorso per uditore giudiziario: Per accedere alla procedura di concorso, è previsto che il partecipante: Leggi come poter gestire i ns. Senza considerare che il sorteggio della prova pratica introduce inevitabilmente un fattore “fortuna” nel concorso, dato che i candidati potrebbero scegliere di non studiare una o due delle tre procedure astrattamente richieste[5] sperando nella buona sorte. Magistratura Indipendente utilizza cookies tecnici e di profilazione. La seconda modifica della disciplina del concorso in Magistratura consiste nell’introduzione allo scritto, al posto di una delle prove di diritto civile, penale o amministrativo della “redazione di una sentenza, che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale”[3]. Tuttavia non è preclusa la possibilità di riconoscere un punteggio extra a chi si laurea con un punteggio più alto o a chi ottiene la lode. A tale proposito appare irragionevole dimenticare, proprio in presenza del ricordato mancato coordinamento fra conclusione della scuola di specializzazione e prove scritte, l’assenza di una offerta formativa legata alle università per gli specializzati (nonché per tutti le categorie di coloro che possono accedere al concorso) che li accompagni fino al concorso: l’esperienza attuale dimostra che i più motivati fra gli specializzati, una volta finita la Scuola ed in attesa del concorso, si iscrivono alle già ricordate costosissime scuole private. - causato dalla possibilità – in nome della libera circolazione delle persone all’interno dell’Unione europea - di divenire avvocati all’estero senza un esame di abilitazione – attualmente questa possibilità esiste in Spagna o Romania – per poi trasferirsi in Italia, effettivamente questa modifica può avere un senso, ritengo che escludere dal concorso in magistratura i possessori di un titolo prestigioso e che soprattutto comporta una forte applicazione nello studio come il dottorato; tale esclusione appare altresì contraddittoria perché dimostra sfiducia nei confronti dell’Università, la quale al contempo è molto responsabilizzata perché gli si affida il compito di decidere quali laureati possano accedere direttamente al concorso perché possessori di voti alti e quali no; inoltre penalizzerebbe eccessivamente coloro che hanno iniziato il corso di dottorato contando poi di partecipare al concorso in magistratura, senza iscriversi ad una Scuola, oltretutto incompatibile con la frequentazione del dottorato], i laureati in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza conseguito al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni e che abbiano riportato una media di almeno 28/30 negli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo, nonché un punteggio di laurea non inferiore a 108/110. Una maggiore selezione in questa fase – aspetto sul quale invece il progetto di riforma non interviene - potrebbe forse aiutare a scoraggiare da subito quegli aspiranti magistrati non particolarmente brillanti che invece, accedendo alla scuola, si illudono di poter sostenere con successo il concorso in magistratura. Come noto, per svolgere questa professione occorre completare il tirocinio legale, anche detto praticantato, presso lo studio di un avvocato iscritto all’albo da almeno 5 anni, della durata di 18 mesi. Sotto questo punto di vista, l’indicazione nella legge delega di una riduzione della durata della Scuola può senz’altro considerarsi un passo avanti solo se si considera la frequentazione della Scuola come una necessità formale per ottenere il diploma necessario per accedere al concorso in magistratura; da un punto di vista sostanziale però una riduzione della durata delle Scuole non farebbe che aumentare ulteriormente gli spazi delle scuole private. Chi invece punta sugli annunci di lavoro presso aziende o privati dovrà fare i conti con la naturale “legge del mercato”. Per partecipare è inoltre richiesto il pagamento di una tassa di concorso di 50,00 euro. Praticamente nessuno è escluso. La proposta di legge delega di riforma dell’ordinamento giudiziario. 6. Un’ultima notazione su quello che potrebbe sembrare apparentemente un dettaglio e che invece dimostra la scarsa considerazione che, più o meno inconsciamente, si ha per coloro che abbiano una conoscenza delle lingue straniere, sicuramente utili, specie in una prospettiva futura, per un giovane magistrato. Qualche suggerimento. Tale percorso consente una serie di vantaggi, fra i quali: accesso al concorso in magistratura, possibilità di accedere ad una borsa di studio mensile del valore di 400 euro, riduzione di un anno della durata della pratica forense, della pratica notarile o della Sspl, titolo di preferenza nei concorsi pubblici. «Questo voto mi abbassa la media degli esami, ed ora che faccio: accetto o lo rifiuto?». Ciò è ben comprensibile: chi se la sentirebbe di respingere un aspirante magistrato che dopo aver superato gli scritti e tutte le numerose e complesse materie degli orali abbia poi mostrato una scarsa conoscenza della lingua straniera? In questa maniera le Scuole verrebbero anche stimolate a puntare al massimo sulla qualità fin dal primo anno, nella speranza che i propri studenti, trovatisi bene, decidano di proseguire i loro studi all’interno della stessa Scuola. Stampa 1/2016. Questa assoluta incertezza sui tempi, senza contare quelli relativi alla correzione degli scritti e, ultimamente, quelli che vanno dalla conclusione del concorso all’effettiva chiamata in servizio, rende quanto mai difficile per quel brillante giovane neolaureato, resistere alla tentazione di entrare immediatamente nel mondo del lavoro, magari presso lo studio legale del professore con il quale ha discusso la tesi. Questo ampliamento delle discipline potrebbe apparentemente essere considerata una novità positiva: tuttavia è evidente che la quantità non può che andare inevitabilmente a scapito della qualità; inoltre le procedure difficilmente possono essere realmente comprese e fatte proprie senza la pratica sul campo di cui ho già parlato. I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di concorso per la presentazione della domanda di ammissione. Un suggerimento utile sarebbe quello di modificare e rendere più incisivo il testo dell’art. [1] Si tratta degli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo, Email (obbligatoria se vuoi ricevere le notifiche), Notificami quando viene aggiunto un nuovo commento.