Il Fair play non si esaurisce nel rispetto della regola,ma promuove valori come: Amicizia Rispetto Spirito di gruppo 9. La cosa essenziale non è la vittoria ma la certezza di essere battuti bene”. Il gioco di squadra è educativo perché vediamo nell’altro colui che ci può aiutare o essere aiutato. Nadal-Sinner come Lendl-Sampras? M S O A CHE GIOCO GIOCHIAMO? E LO SPORT - Un europeo su tre pratica regolarmente un’attività fisica, esistono più di 600.000 club sportivi nel territorio comunitario ed il 62% degli europei è favorevole ad un esplicito riferimento nella Costituzione Europea riguardo la dimensione sociale, educativa e culturale dello sport. Istituto Tecnico “Bruno Tallini”: Bove Mariagiovanna, Michela Luciani, Giada Melucci, Di Fraia Davide, Rossi Carmine, Fight Club, lo sfogo dell’uomo contro la società, Sofia Goggia, campionessa a Pyeongchang 2018, Reporter al Festivaldeigiovani®. Il valore educativo dal punto di vista dei campioni In diversi appuntamenti gestiti da associazioni culturali, si sono succeduti molti campioni che si sono pronunciati sullo sport , non dal punto di vista dei loro successi, ma da quello etico e sociale che esso può diffondere in chi lo pratica e chi lo segue. L’Umanesimo e il Rinascimento fu un grande movimento di idee, di vita e di cultura, che dall’Italia si espanse in tutto il resto dell’Europa: Rabelais, Montaigne, Elyot, Vives,……il valore educativo della corsa, del nuoto, l’equitazione, la caccia, la lotta, i giochi con la palla, i salti, i lanci, le marce,……. deve essere il centro dei valori umani, la famiglia è la “casa” dei valori umani, perché è da lì che essi nascono, sbocciano, fioriscono e portano il giovane alle alte vette di questo tipo di cultura; i Genitori. Scivolano gli anni, mutano le generazioni, si sconvolgono gli Stati, i mezzi di comunicazione amplificano immagini di eventi negativi che negano il primato ai valori umani: eppure ci sono in molti Paesi esempi di fair-play, educazione sportiva e buoni esempi nello sport. Sport educativo: con i bambini bisogna cominciare presto! Ai tempi degli antichi greci (che lo praticavano) e i romani (che lo guardavano), lo sport cominciò a diventare un pilastro della cultura di una civiltà. Inquinamento e abbandono: cosa sta succedendo alla nostra amata città? Lo sport occupa un ruolo molto importante nella vita dei giovani: grazie ad esso si fanno nuove amicizie, si sfoga la rabbia, “si cresce”, si provano nuove sensazioni ed emozioni. Lo sport e il principio dello sviluppo sostenibile Garantire e migliorare, da una generazione all’altra, il benessere fisico, sociale e mentale della popolazione esige che le attività fisico-sportive, ivi comprese quelle praticate in ambiente urbano, rurale o acquatico, siano adeguate alle 6 Capitolo 1 Il valore educativo dello sport Il primo passo di una ricerca empirica è costituito dalla definizione del tema, del problema e dell’obiettivo di ricerca grazie ai quali è possibile costruire il quadro teorico di riferimento. 12 mesi a contatto con lo Sport. Ruolo educativo dello sport. Europa: Rabelais, Montaigne, Elyot, Vives,……il valore educativo della corsa, del nuoto, l’equitazione, la caccia, la lotta, i giochi con la palla, i salti, i lanci, le marce,……. Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Da Maurizio Mondoni 18/08/2019 Premessa. Per essere motivati, occorre saper individuare il proprio obiettivo e definire i passi necessari per raggiungerlo. A mio parere lo sport rivela un lato debole di se: di solito lo sport è poco abituato a riflettere su quello che fa. e i giovani si adeguano e “copiano” questi esempi negativi. Con questa citazione di Andre Kirk Agassi, noi alunni della classe 3C dell’indirizzo grafica e comunicazione del Tallini di Formia ci sentiamo in dovere di parlare di un argomento che ha purtroppo molto a che fare con il mondo dello sport: il doping. nella sua forma moderna è nato in Inghilterra come attività, ollege potevano praticare e successivamente si aprì ad un pubblico più ampio, quando iniziò a piacere e, quelle della ginnastica e del tiro con l’arco (Germania 1862), di nuoto (Svizzera 1869) e di atle, tica leggera (Inghilterra 1880), mentre in. Più del risultato conta il modo in cui lo si raggiunge. Le Federazioni Sportive moderne sono nate dalla seconda metà del XIX secolo e tra le prime ricordiamo quelle della ginnastica e del tiro con l’arco (Germania 1862), di nuoto (Svizzera 1869) e di atletica leggera (Inghilterra 1880), mentre in Italia, la prima Federazione è stata quella di ginnastica, costituita nel 1881. Registrazione n.168 del 30.05.2018. Lo sport , l’Educazione e il buon esempio nello sport. , l’Educazione e il buon esempio nello sport, Lo sport ha delle regole ed è fondamentale che siano etic, buon esempio nello sport esistono ancora, basta farli, Purtroppo i giornali e le televisioni ci propongono spesso altri esempi negativi (gli sputi, le simulazioni dei falli, specialmente in area di rigore, le aggressioni fisiche e verbali, gli insulti e le parolacce dei giocatori verso gli avversari e l’arbitro, l’imbroglio, la frode sportiva e la corruzione, la violenza verbale e fisica dei tifosi negli stadi, il doping. ) Per evitare questo grave pericolo, ci vuole una forte. Sentirsi parte di un determinato contesto sociale è uno dei bisogni primari di ciascuno individuo, un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile. devono essere sempre e in ogni occasione il “buon esempio” per i loro figli, in tutti gli ambiti. E LO SPORT Un europeo su tre pratica regolarmente un’attività fisica, esistono più di 600.000 club sportivi nel territorio comunitario ed il 62% degli europei è favorevole ad un esplicito riferimento nella Costituzione Europea riguardo la dimensione sociale, educativa e culturale dello sport. Con molta probabilità le prime immagini sono associate all'attività che praticate, al “vostro” sport. Le origini dello sport sono riconducibili anche al periodo del Medioevo, dove da un semplice allenamento di guerra per i soldati, le diverse attività (la cavalleria, le giostre, la scherma, i duelli, la caccia al falcone, etc. I giovani hanno il diritto di praticare lo sport serenamente, senza pressioni e senza l´obbligo di diventare campioni ad ogni costo. Etica significa rispetto delle regole e gli Educatori rivestono un ruolo importante nell’insegnamento delle diverse discipline sportive e devono essere un esempio visibile per i giovani. LA FORZA DELLO SPORT. esaltavano l’uomo e le sue capacità fisiche tramite competizioni che lo mettevano alla prova, modificando il modello greco, che pensava allo sport come arte sacra e trasformandolo in arte dello spettacolo fatta per intrattenere il pubblico. Essere sportivi significa saper accettare una sconfitta e da essa ripartire con determinazione. Montecarlo riscopre la storia e i valori dell’atletica, Quando muore un amico. assunse carattere agonistico solo a partire dal 1800 a. C. , che contemplavano gare di corsa, salto, lancio e altre attività con carri e cavalli. Proprio a questo periodo possiamo assegnare le origini della parola, tino e che stava a significare “allontanarsi”, , uscire dalla città per andare a competere, sono riconducibili anche al periodo del Medioevo, dove da un semplice allenamento di guerra per i soldati, le. è insito in ciascuno di noi, sin dalla nascita, basta educarlo e convogliarlo in giusti canali, è un elemento insopprimibile della pratica sportiva, basta non trasformarlo in antagonismo. A Scuola, il “buon esempio” deve venire dagli Insegnanti. Lo sport deve insegnare a vincere e a perdere e perdere e migliorarsi è come aver vinto e riconoscere che l’altro è più forte, non significa abbassare il proprio livello di autostima. Il valore educativo dello sport. Lo sport ha, dunque, un alto valore educativo quando pone al centro l’Uomo e le sue potenzialità. Il nostro saluto a Luigi Serra, il fotografo che sorrideva al tennis e alla vita, Gian Paolo Ormezzano: “Che odissea il Covid a 85 anni. maggiori informazioni Accetto. Ad majora! Roberto Bettega, i 70 anni di Bobbygol: i gol di tacco e di testa, la pleurite a 21 anni, l’uscita di Munaron gli impedì di essere titolare al mondiale dell’82. I Dirigenti devono “dirigere”, devono fornire consigli, indicazioni corrette. Lo sport educativo oggi condivide l’orizzonte di senso dello sport agonistico, sempre più esasperato e precoce, e ciò ostacola il costituirsi di una nuova professionalità educativa. Iscriviti! ... Vi è un altro valore veicolato dallo sport: il valore della temperanza. La pratica sportiva insegna il valore del sacrificio e della rinuncia per la passione dello Sport. L’U.E. È un collante che unisce popoli e razze, lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfare, la difficoltà per vincerla. )sono diventate discipline aperte a tutti, in cui ci si poteva sfidare. Nei bambini il ruolo educativo dello sport può fare tanto, plasmarli per renderli uomini e donne migliori, dai principi e valori positivi forti e sani. Dopo 9 mesi nasceva “Pete the Pistol”! nel 1894 la Stanley Cup di hockey su ghiaccio, che premia la più forte squadra nordamericana (Usa e Canada insieme). Con il ritorno allo studio dei classici e dell’amore all’antichità, si ritorna all’antica concezione dell’Educazione Fisica come elemento di sviluppo armonico dell’uomo. Già nelle civiltà pre-classiche (Cina, Egitto, India, Persia,……) si praticavano attività fisiche e sportive come la lotta, la ginnastica, il pugilato, il nuoto, il canottaggio, la pesca, l’atletica, la danza e i giochi con la palla. Nei dintorni del rugby con Vanni Zagnoli. Lo sport, il suo valore educativo e i giovani d’oggi. Lo sport è avvincente anche perché ci fa gioire, esultare o rattristare insieme agli altri. buon esempio e di “Fair-play” e dovrebbero convogliare i loro sforzi verso il soggetto e non essere divergenti. La prima forma di attività fisica (si può parlare di sport?) Pensate alla parola sport. Proprio a questo periodo possiamo assegnare le origini della parola “sport” che deriva dal latino e che stava a significare “allontanarsi”, uscire dalla città per andare a competere e gareggiare in un’altra città. Per tutti i giovani “L’importante non è vincere ma partecipare. sono diventate discipline aperte a tutti, in cui ci si poteva sfidare. Numerosi sono gli esempi di sportivi che purtroppo fanno uso di sostanze anabolizzanti per avere maggiori prestazioni, non tenendo conto di tutti gli effetti nocivi a carico della salute. I primi Giochi Olimpici si svolsero in Grecia nella città di Olimpia (dal 776 a.C. al 393 d.C) e prevedevano soltanto la corsa, in seguito si aggiunsero i lanci del disco e del giavellotto, il salto in lungo (in realtà, una serie di salti a piedi uniti), la lotta, il pugilato, la corsa dei cavalli,…….. e mediante queste discipline si celebrava l’eccellenza dei singoli individui e il vincitore delle Olimpiadi veniva considerato come l’uomo più forte di tutti. , l’inglese Giovanni Locke, Rousseau con “l’Emilio”, verso la fine del ‘700 Basedow, Pestalozzu, Froebel, Spencer esaltarono nuovamente l’importanza dell’Educazione Fisica, l’indirizzo tedesco, la ginnastica svedese, l’Educazione Fisica francese con Amoros, Demolins, Demeny, Hèbert e poi lo sport inglese……..nato nel collegio di Rugby, presso Oxford, per opera di Thomas Arnold. (Football Association Challenge Cup) dicalcio, la Coppa d’Inghilterra, nel 1877 la prima edizione del torneo tennistico di Wimbledon (Londra), nel 1882 The Ashes (Le Ceneri), un torneo di cricket che si disputa tra Australia e Inghilterra, nel 1894 la Stanley Cup di hockey su ghiaccio, che premia la più forte squadra nordamericana (Usa e Canada insieme). Così sono guarito dalla notte più brutta della mia vita”, Lavori spesso con il PC?