Tranne alcuni alpinisti che salgono da Punta Anna, tutto il mondo ha percorso i pochi metri che lo separano dall’arrivo della funivia alla cima credendo pure di aver compiuto una grande impresa e spara selfie a volontà. Giro: Circolare, anello Richiede adeguata preparazione ed attrezzatura quale casco, imbrago e dissipatore E.E.A – itinerario per escursionisti esperti con attrezzatura. Tofana di Mezzo: percorso alpinistico di media difficoltà. La croce della cima Tofana di Dentro, un corvazzo ed un escursionista. La via classica più diretta alla cima della Tofana, con tracciato obbligato lungo l’unica striscia di roccia grigia sopra al grande anfiteatro della parete. – E’ un itinerario a tema specifico prevalente (naturalistico, glaciologico, geologico, storico, religioso) di chiaro scopo didattico formativo. Il panorama che si gode dalla vetta della Tofana di Rozes è indescrivibile e senza eguali. MI RACCOMANDO arrivati ad un ghiaione dopo aver superato una cengia esposta a quota circa 2650 metri il sentiero si divide in 2. Descarga el track GPS y sigue el recorrido del itinerario del sendero desde un mapa. È importante non confondere il Sentiero G. Olivieri con la Via ferrata G. Olivieri, l’impegnativo percorso difficile ed esposto che sale lungo il verticale spigolo sud della Punta Anna, il grande contrafforte delimitante la Tofana di Mezzo. Sentiero Alpinistico Alcuni passaggi esposti sul sentiero di rientro sono attrezzati, ma non tutti. Consiglio di scendere al Giussani dalla cima per la vecchia via normale se il percorso non è bagnato (c'è una cengia detritica insidiosa). Termina così  questo meraviglioso giro della Tofana, potremmo chiamarlo “Anello della Tofana di Mezzo”. Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento. Tipologia sentiero: Escursionisti Esperti Mi affaccio sull’orlo di un canalone ghiaioso e per chiudere in bellezza la magnifica giornata chiedo a Gino “sarà morbido?” Gino mi guarda e dice di no, io ribatto “là in mezzo… forse!” Lui mi dice “vado a vedere” e si lancia nel ghiaione dove dopo pochi secondi lo seguo… ora chi piano giù per sentiero, chi veloce giù per ghiaione scendiamo fino al Rifugio Dibona per le ultime, meritate birre. sull'alta Val Travenanzes, che scende sull'Ampezzano, e sull'imponente parete ovest della Tofana di Rozes. Dibona 2037 m.s.l.m Rif.Ra valles 2470 Quota da raggiungere: Cima Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Dislivello: 1207 + 270… Vario ed a tratti molto esposto il sentiero di ritorno. Se state percorrendo il Sentiero Olivieri difficilmente non li incontrerete. Cima della Tofana di Rozes (3225m): media difficoltà. L’incontro con i camosci é quasi una certezza, le pale erbose che sovrastano il Rigfugio Duca d’Aosta offrono a questi agili animali cibo e calore. Cima Pisciadù, dati riassuntivi dell’escursione: Punto di partenza: Parcheggio in prossimità dell'11° tornate del Passo Gardena salendo da Colfosco (1956 m) Punto di arrivo: Uguale al punto di partenza. Si prosegue salendo al crestone N da seguire lungo il filo e poi per traccia fra ghiaie sul versante verso Cortina fino all'ometto di vetta. Lungo il percorso che collega Pié Tofana al Col Drusciè, sono stati collocati 12 tabelloni 70×100 cm, con foto dei vari pianeti e del Sole, tutti sistemati ad una distanza che, in scala 1/10 miliardi, rispecchia la loro reale dimensione e posizione nel cielo. Dal rifugio seguire l’evidente sentiero, tracciato con bolli azzurri. Se non si è particolarmente allenati e preparati per raggiungere la vetta della Tofana di Rozes si può tranquillamente fermarsi al rifugio godendo lo stesso di un bellissimo panorama. Quota da raggiungere: Cima Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Quando mi riprendo, con grandi inspiri e forza di volontà perché non voglio mollare, raggiungo Paola a metà del ghiaione e insieme raggiungiamo Forcella Vallon dove Gino è già arrivato da una buona mezz’ora, ma lui è un camoscio…. Cartina: 03 Cortina D’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane, Tipologia sentiero: Escursionisti Esperti, Quota partenza: Rif. 4,5 ore Dislivello in salita: 320 m Dislivello in discesa: 1.040 m Tempo d'accesso: ca. Scarica la traccia GPS e segui il percorso su una mappa. Traccia GPS per Ferrata Olivieri a Punta Anna. – o sentiero Escursionistico per Esperti (E.E) Sentiero che si sviluppa in zone impervie e con passaggi che richiedono all’escursionista una buona conoscenza della montagna, tecnica di base e un equipaggiamento adeguato. Alla verticale parete Sud di questo enorme e straordinario monolite, si oppone infatti un versante con pendii più moderati sui quali si snoda il sentiero della via normale alla cima della Tofana. Pomedes). Si sviluppa nelle immediate vicinanze di paesi, località turistiche, vie di comunicazione e riveste particolare interesse per passeggiate facili di tipo culturale o turistico – ricreativo (nella scala di difficoltà CAI è classificato T – itinerario escursionistico – turistico). Cima Tofana is also the perfect starting point and arrival for different hikes, via ferratas and climbing ways. Cortina d'Ampezzo ⇒ inizio: canalone Tofana e Buso ~ fine: cima Tofana di Mezzo dopo 'Punta Anna' la salita è varia, canalone ghiaioso molto ripido, neve e ghiaccio oltre il 'Bus' nel versante nord, discesa per il 'Bus' e il canalone al Giussani [A][Y] sentiero alpinistico … Gruppo Montuoso: Tofana Difficoltà: 2 Valutazione complessiva: 2 Tipologia del percorso 35% cavo d’acciaio, 65% sentiero e sentiero esposto Tempo complessivo: ca. Caratteristiche itinerario: Ad anello compiuto in senso anti-orario. Creato da www.youtube.com . Partendo dallo storico Rifugio Dibona, risaliremo l’ampia carrareccia che porta alla sella ove sorge il Rifugio Giussani. È importante non confondere il Sentiero G. Olivieri con la Via ferrata G. Olivieri, l’impegnativo percorso difficile ed esposto che sale lungo il verticale spigolo sud della Punta Anna, il grande contrafforte delimitante la Tofana di Mezzo. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. Con la prima seggiovia raggiungere il Rifugio Duca d’Aosta e proseguire con la seconda fino al Rifugio Pomedes. Cima: Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento. Località: Cortina D’Ampezzo Riprova. Saliamo verso l’ex rifugio Cantore per un’ ora abbondante  e in vista del rifugio Giussani (che non raggiungiamo) svoltiamo a destra su per un verticale, tostissimo ghiaione, dove arranchiamo con enorme fatica (anche questa volta le mie condizioni fisiche non sono buone: sto male e mi gira la testa, ho lo stomaco sotto sopra, forse il viaggio…). Poi saliamo sempre per traccia il sentiero fino al bellissimo laghetto glaciale e all’Abisso della Tofana, un grande buco nella roccia dove periodicamente l’acqua del laghetto viene inghiottita. La salita alla cima della Rozes, se fatta in condizioni meteo ottimali, non presenta difficoltà di rilievo. – Itinerario escursionistico che ripercorre “antiche vie” con finalità di stimolo alla conoscenza e valorizzazione storica dei luoghi visitati generalmente non presenta difficoltà tecniche (T) Turistico oppure Escursionistico (E). Ferrata Tofana di Dentro. ( Chiudi sessione /  Ci sono diverse possibilità per raggiungere la Tofana di Mezzo, la prima facile con la Freccia del Cielo (la Funivia che sale dal centro di Cortina), la seconda più difficile per la Ferrata di Punta Anna (tralasciamo le vie di arrampicata, riservate agli alpinisti), la terza solo tosta con partenza dal Rifugio Dibona per Forcella Vallon, cengia e percorso attrezzato nel tratto finale . Poco prima della teleferica, che lasciamo alla nostra destra, si abbandona la stradina per imboccare il sentiero 442, seguendo le indicazioni per la Grotta di Tofana e via ferrata Lipella. Il Sentiero Olivieri offre una vista magnifica su Cortina e sulla valle d’Ampezzo, e merita sicuramente d’essere percorso. Il sentiero, dopo un breve tratto pianeggiante, inizia a salire a serpentine fin sotto l’imponente parete Sud della Rozes. Mi sento di consigliare il rientro per il sentiero alpinistico (si lascia la ferrata tra la Tofana di Mezzo e di Dentro). Scegliamo la via di mezzo, quella tosta, partendo poco dopo le 6 dal parcheggio del Rifugio Dibona. Con la funivia al Col Drusciè e da qui, in circa 20 minuti,  a Pié Tofana. ( Chiudi sessione /  Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Ci siamo. Per il ritorno seguo fedelmente a ritroso la via di salita fino al parcheggio. Partiendo del Refugio Dibona recorremos el sentiero Astaldi por no hacer el mismo trayecto que haremos a la bajada. Discesa: Come per la salita o traversando alla Tofana di Mezzo per via ferrata facile ma in alcuni tratti esposta, poi in funivia al Rif. Poco prima di raggiungere la vetta incontriamo un bivio con un segno sulla roccia che ci indica a destra l'attacco della Ferrata del Formenton (10' dalla stazione a monte della funivia). Tra la cima Tofana di Mezzo e il Rifugio Cima Tofana, sulla sinistra scende la via Ferrata Tofana di Dentro che dopo una discesa a una forcella a 3088 metri risale verso la Tofana di Dentro / Tofana de Inze (3238 m). Scendere al Col Drusciè (prima stazione) ed incamminarsi in discesa verso Pié Tofana (circa 20 minuti). Non era una mattina come le altre era un giorno speciale, perché non dovevamo andare a fare un qualsiasi rifugio, dovevamo andare a conquistare una cima, quella della Tofana di Rozes. Vista panoramica e tantissima roba! Scesi dalla seggiovia avviarsi in direzione del Rifugio Pomedes. Facile – F = tracciato molto protetto, ben segnato, poco esposto e dove le strutture metalliche si limitano al solo cavo e/o catena fissati unicamente per migliorare la sicurezza, ma che potrebbero essere evitati (o non usati) se percorsi da alpinisti esperti. In breve ci addentriamo nel vallone che divide la Tofana di Mezzo dalla Tofana di Rozes seguendo le indicazioni per il Rifugio Giussani (2580 m). Proprio da qui infatti parte la via normale per raggiungere la cima. Dopo le foto di rito noi scendiamo al rifugio sottostante dove ammiriamo il panorama dal terrazzo e ci scoliamo tre birre (una a testa) prima di prendere la funivia e scendere a Ra Valles, per poi risalire per un bel pezzetto fino all’imbocco del sentiero attrezzato Olivieri, nulla di difficile tranne alcune scale, percorrerlo e arrivare al Rifugio Pomedes con un’altra terrazza panoramica sulle Dolomiti e l’Ampezzano. L’indomani vogliamo salire la Cima della Tofana di Mezzo, la partenza sarà alle 5. – (T) o turistico, Itinerario di ambito locale su carrarecce, mulattiere o evidenti sentieri. Durante l'escursione si passa per Rifugio A. Dibona, Rifugio Giussani, Tofana de Rozes e Monumento Cantore. Da qui affrontiamo un altro ghiaione,  per fortuna meno lungo del precedente e in breve arriviamo alla forcella tra la Tofana di Mezzo e la Tofana di Dentro o Terza, ora un cordino ci guida, in sicurezza, lungo le rocce dalle forme incredibili e sugli strapiombi da cui ammirare il laghetto sotto di noi, sempre più lontano, fino a pochi metri dalla vetta. Informarsi bene sulle date di apertura della funivia “Freccia nel cielo” e delle seggiovie di Tofana. Quasi in cima alla Tofana si può trovare anche ghiaccio, quindi per prima cosa sarebbe bene avere l’attrezzatura adeguata (scarponi e ramponi) ed il saperla usare. Data: 4-8-2018 – La Traccia, Escursioni e Montagna. Passando vicino al Bus de Tofana si raggiunge la Ferrata Tofana di Mezzo / Tofana de Meso che raggiunge la cima a 3244 metri, il punto più alto del nostro giro. profilo altimetrico traccia Vista panoramica e tantissima roba! Grazie ad un sistema di cenge e terrazze, interrotte da un paio di salti rocciosi facilmente superabili grazie a due scalette metalliche, in circa un’ora si arriva al termine del sentiero attrezzato, sulle ghiaie sottostanti l’imponente parete est della Tofana di Mezzo, in prossimità degli impianti sciistici sulle piste di Ra Valles. Ci svegliamo alle 4 del mattino per arrivare al Rifugio Angelo Dibona al Falzarego alle 6 e cogliere i primi raggi di sole che illuminano la Tofana di Rozes, ma non solo…. Lungo il sentiero n. 407 a Piè Tofana. Si inizia dal canalone che porta alla Forcella Vallon (tracce con bolli rossi). Grazie Gino per averci fatto scoprire questo stupendo itinerario che non dimenticheremo per la sua bellezza e semplicità proprio come l’amicizia nata da poco e la passione che ci accomuna e anche se noi siamo un po’ più  lenti amiamo le Cime e gli itinerari fuori dalle rotte commerciali… insomma spiriti liberi!! Sentiero Turistico – (E.E.) Quota partenza: Rif. Difficoltà*: EE- A-D Per arrivare alla cima della Tofana bisogna aggiungere all'escursione altre 1.5/2 ore circa. Grandiosa passeggiata di croda lungo le cenge e le terrazze che solcano il versante di Val Travenanzes della Tofana di Dentro. Dopo un altro trio di birrette eccoci di nuovo in cengia sul sentiero attrezzato Astaldi, con le sue rocce di color rosso, verde e giallo ocra. proseguiamo in discesa tenendo la destra raggiungendo il Rifugio Cima Tofana ... Concatenato la Olivieri a Punta Anna, la Aglio alla Tofana di Mezzo e rientro per Sentiero Attrezzato Olivieri al Pomedes quindi al Dibona. Freccia nel Cielo (Col Druscié station - Ra Valles station - Cima Tofana station) - Tofana di Mezzo 2. Da qui affrontiamo un altro ghiaione,  per fortuna meno lungo del precedente e in breve arriviamo alla forcella tra la Tofana di Mezzo e la Tofana di Dentro o Terza, ora un cordino ci guida, in sicurezza, lungo le rocce dalle forme incredibili e sugli strapiombi da cui ammirare il laghetto sotto di noi, sempre più lontano, fino a pochi metri dalla vetta. Dolomiti, altre linee di sci ripido e sci estremo, Arcadia, la nuova falesia a Leonidio in Grecia, Nuove vie di misto sulla Gran Sometta di François Cazzanelli & Co, Video: Luca Rinaldi su Power of Now 8C a Magic Wood, Phoenix sul Monte Popera nelle Dolomiti di Simon Gietl e Andrea Oberbacher, Wolkenreise - Florian Thamer Gedächtnisweg, James Pearson su Harder, Faster a Black Rocks. Alla verticale parete Sud di questo enorme e straordinario monolite, si oppone infatti un versante con pendii più moderati sui quali si snoda il sentiero della via normale alla cima della Tofana. La ferrata è molto bella, panorami di Cortina e dintorni stupendi. 1° Discesa per il ghiaione del Bus de Tofana: raggiunto il sentiero 403 si scende fino al rif. Tempo*: in giornata 10 ore 1,5 ore Poi per ghieie e roccia rotta si prosegue in cresta. Il terzo tronco della funivia Tofana – Freccia nel Cielo consente di salire in cima alla vetta più alta di Cortina d’Ampezzo: la Tofana di Mezzo (3244 m). – (E) Sentiero privo di difficoltà tecniche che corrisponde in gran parte a mulattiere realizzate per scopi agro – silvo – pastorali, militari o a sentieri di accesso a rifugi o di collegamento fra valli vicine (nella scala di difficoltà C.A.I. Durata discesa: Si consiglia di usare la funivia. 🔸Partendo dallo storico Rifugio Dibona, risaliremo l’ampia carrareccia che porta alla sella ove sorge il Rifugio Giussani. A piedi ci si immette sul sentiero n. 412 che sale tra prati e boschi radi confluendo sulla sterrata ex militare per la Forcella Col dei Bos. Qui una scritta su di un masso indica la deviazione per la "Grotta della Tofana". Il Sentiero Olivieri è un facile percorso attrezzato che permette il collegamento tra il Rifugio Pomedes (2303 m) ed il rifugio Ra Valles (2470 m). Partendo dallo storico Rifugio Dibona, risaliremo l’ampia carrareccia che porta alla sella ove sorge il Rifugio Giussani. Qui occhio alla neve (se presente) e girate a sinistra del laghetto o della conca (dipende se c'è neve o meno). Cima Tofana di Mezzo Data: 4-8-2018 Cima: Tofana di Mezzo 3244 m.s.l.m Gruppo Montuoso: Tofana Cartina: 03 Cortina D’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane Segnavia: Traccia poi CAI Tipologia sentiero: Escursionisti Esperti Difficoltà*: EE- A-D Quota partenza: Rif. Termina così  questo meraviglioso giro della Tofana, potremmo chiamarlo “Anello della Tofana di Mezzo”. 10-08-2011( Riprese effettuate con Videocamera Samsung HMX-H100P/EDS ) Siamo partiti dal Rifugio Dibona passando per il Rifugio Pomedes e arrivare all'attacc... Approfondisci . Segnavia: Traccia poi  CAI Il tracciato da lui studiato e più volte provato portava di alpinisti prima alla Punta Anna e poi in cima Tofana di Mezzo. – (E.E.A) Itinerario che conduce l’alpinista su pareti rocciose o su creste e cenge, preventivamente attrezzate con funi e/o scale senza le quali il procedere costituirebbe una vera e propria arrampicata.