Torna “La lupa” al castello di Donna Fugata, in scena il 6 settembre. Il periodo milanese (1872-1893) si aprì con romanzi sempre di natura sentimentale: Eva (1873), Eros (1875), Tigre reale (1875). Anche chi riuscisse a scalare i gradini della società sarebbe, poi, costretto a soccombere perché si ritrova isolato. Proprio una spiccata sicilianità connota le opere veriste verghiane: passioni forti, gelosie che portano a duelli o addirittura all’omicidio, paesaggi pieni di vita o assolati nella canicola estiva, abitanti popolani che abitano i paesi della costa o dell’entroterra, dediti alla pastorizia o all’agricoltura o alla pesca. : Nanni uccide la lupa per liberarsi dalla corte continua della suocera che lo fa arrivare all’esasperazione. Luigi Pirandello tenne un magnifico discorso per celebrarne l’opera distinguendo la poesia di parole di D’Annunzio dalla poesia di cose di Verga. Dapprima lo scrittore siciliano cambiò le ambientazioni e i personaggi delle opere nel bozzetto siciliano Nedda (1874) che vede come protagonista una raccoglitrice di olive, che perde l’amato e la figlia. E' immagine di una femminilità primitiva, inquietante, incontrollabile; come tanti personaggi femminili della precedente narrativa mondana di Verga (per esempio Narcisa Valderi di Una peccatrice), anche la gnà Pina è, prima donna, maga, maliarda, sirena. Overbooking per “La Lupa” , la nuova trasposizione dell’opera di Giovanni Verga nello scenario del Castello di Donnafugata. Verga venne nominato senatore a vita nel 1920 e, colto da un ictus, morì nel 1922. A questo punto viene inserita la prima ellissi temporale del racconto. Maricchia apostrofa la Lupa con gli epiteti di «mamma scellerata» e di «ladra». Grazie alla regressione il narratore assume un punto di vista più basso, a livello culturale e sociale, rispetto a quello che l’autore realmente possiede come nell’inizio della novella «Rosso Malpelo» in cui Verga racconta che il ragazzo si chiamava Rosso Malpelo perché aveva i capelli rossi e aveva i capelli rossi perché era cattivo (giudizio di un ceto sociale basso, ignorante e superstizioso, non certo il punto di vista di Verga). Lv 6. Le necessità di questa donna sono diverse da quelle delle altre donne del popolo, lei sentiva di dovere soddisfare i proprio impulsi erotici, le proprie esigenze amorose, e trovava nella passione amorosa la soluzione a queste esigenze. Anche se lo sguardo dell’autore si concentrava ora sulle classi sociali più basse, il metodo di racconto non era ancora verista e impersonale. La gnà Pina, la Lupa del titolo, emerge dal racconto quale incarnazione di una sessualità istintiva e animalesca. Capiamo benissimo allora che la Lupa era vista come un essere demoniaco che “spolpava” gli uomini “in un batter d’occhio”, “e se li tirava dietro alla gonnella solamente a guardarli con quegli occhi da satanasso”. Basti pensare al ciclo dei vinti di Verga in cui i personaggi aspirano ad un cambiamento economico e sociale, ma rimangono travolti dalla «marea» del progresso e soccombono. Join Facebook to connect with Ellis Lupa and others you may know. In seguito al successo dell’opera Verga chiese al musicista un congruo compenso economico. ... tramite l’uso di espedienti come ellissi, sommari, digressioni e prolessi. di Redazione ... Ellissi temporali coreografati da una danza demoniaca interpretata da Giada Carnemolla e dalle partiture sonore dei Bellamorea e uniti dalla voce recitante di un Narratore. Ha bisogno che siano proprio d’una provincia, d’una città, d’un pezzettino di terra largo quanto la palma della sua mano». Infine, minaccia di ammazzare la Lupa. Classificazione? Un giorno la Lupa s’innamora di Nanni, giovane appena tornato dal militare. 2 La "lupa" del primo canto dell'Inferno, che “[...] di tutte brame | sembrava carca nella sua magrezza”, vv. Della novella La Lupa qualcuno potrebbe spiegarmi: 1)Le metafore e le similitudini 2)Il tema trattato 3)Che tipo di narratore è 4)La focalizzazione 5)Quando Verga assume il punto di vista della gente 6)Qual è la descrizione che Verga fa degli occhi della lupa 7)Qual è il significato della morte della lupa 8)Perchè la lupa trasgredisce i valori della società? Era il 10 settembre del 1920. La Lupa … emarginazione dalla società: i giudizi riguardo alla Lupa, presenti nella novella, derivano proprio dalla mentalità culturale del popolo. Al villaggio la chiamavano la Lupa perché non era sazia giammai - di nulla. Nessuna ostentazione morbosa, nessuna indulgenza alla passionalità, ma grande capacità sintetica, che emerge in dialoghi teatrali rapidi presentati nel cuore della novella in cui Verga mette in scena madre e figlia che si accapigliano. Quest’ultima replica voluta fortemente dal Sindaco Peppe Cassì e dall’Assessore al turismo Ciccio Barone, impegnati a garantire la continuità dell’ estate iblea nel segno della qualità artistica e longevità. Nella scena finale («Ah! Mascagni non glielo riconobbe. Sono addirittura trascorsi anni. Quando la lupa gli confessò il suo amore per lui, egli non corrispose affermò di volere in sposa sua figlia Maricchia. RIASSUNTO Nel villaggio dove viveva, la chiamavano la Lupa perché ella non era mai sazia delle relazioni che aveva con gli uomini e le altre donne avevano paura di lei perché ella attirava con la sua bellezza i loro mariti e i loro figli anche se solo li guardava. La Lupa però non si sentì affatto minacciata né dalla figlia né tanto meno dal genero, il quale l’ha minacciata di morte. “. Un caso esemplare è la bellissima novella La lupa. In questo testo, tratto dal capitolo I dell’Inferno, Dante, allo scopo di profetizzare la venuta di una figura provvidenziale che eliminerà l’avidità dal mondo terreno, utilizza l’allegoria del cane da caccia che cercherà e ucciderà la lupa. Per ottenere l’impersonalità e l’oggettività nella narrazione  Verga si avvale di artifici letterari che permettono di attuare l’oggettivizzazione del racconto. Coglieva con profondità la differenza fondamentale tra i due: “Giovanni Verga è il più «antiletterario» degli scrittori; il D’Annunzio è tutto letteratura, anche là dove l’esperta e istrutta, acutissima sensibilità riesce a farlo veramente vivo: noi sentiamo sempre che è «troppo» anche là, e che questo troppo gli è dato dalla letteratura, la quale ha arricchito col più dovizioso ausilio verbale, raffinandolo fin quasi a renderlo anormale, il nativo acume dei suoi sensi vivi». ˜ il/la protagonista, è la figura principale, al centro dell’azione, e deve a˛ rontare delle prove per un obiet-tivo da raggiungere; ˜ l’antagonista, contrasta l’azione del protagonista (è una persona o un’entità astratta, per esempio il Male da sconfi ggere, un malefi cio del destino); La Lupa torna, il 6 settembre, al Castello di Donnafugata di Ragusa per soddisfare il desiderio di quel pubblico che non aveva potuto assistere alla performance.Un volere sostenuto dall'Assessore Sindaco Peppe Cassì e e dall'Assessore alla cultura Ciccio Barone del Comune di Ragusa. Per questo preferisce andare in galera o morire piuttosto che cedere ancora alla seduzione della suocera. La lingua non è certo il siciliano. La focalizzazione può passare dal Dante narratore a quella del Dante personaggio, ma prevale quella del personaggio. I Malavoglia di Giovanni Verga: analisi di trama, personaggi principali, stile e linguaggio usato dall'autore per il suo romanzo più famoso Verga, la Lupa e il fascino dell'immaginazione Giovanni Verga Giovanni Fighera Verga Vita dei campi 1 decennio fa. Verga passa così da una «poesia di parole» ad una «poesia di cose» (per poesia dobbiamo qui intendere l’atto creativo). 1 G. Verga, La Lupa, in Tutte le novelle, Milano, Mondadori, 2004, vol.I, p. 179. RACCONTI DI SECONDO GRADO: LO SCORCIO E L’ELLISSI. Per questo ripete spesso la congiunzione «che», usa l’indicativo al posto del congiuntivo, si avvale spesso di proverbi e di espressioni siciliane italianizzate. Nanni e Maricchia si sono sposati, sono nati dei figli, la Lupa ha ottenuto di rimanere in casa con genero e figlia, mai desistendo dal proposito di conquistare il giovane. I personaggi delle novelle e dei romanzi veristi verghiani appartengono ad un mondo ancestrale, dove è più facile analizzare le passioni elementari. IL BELLO DELLA SCUOLA/38 Verga, la Lupa e il fascino dell’immaginazione, "Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione. La grande magia del racconto sta nel sottaciuto e nel non raccontato, gran pregio di un autore come Verga che, al contrario di tanta narrativa contemporanea che ostenta il sesso e la morte, sa alludere e far immaginare. G. Verga: La Lupa - Riassunto e Analisi del testo. malanno all’anima vostra! Quest’ultima replica voluta fortemente dal Sindaco Peppe Cassì e dall’… Si vergognava della madre e piangeva di nascosto, perché era figlia della Lupa, e nessuno l'avrebbe tolta in moglie, sebbene ci avesse la sua bella roba nel cassettone, e la sua buona terra al sole, come ogni altra ragazza del villaggio. Sono addirittura trascorsi anni. Cara Stella, non si tratta di figure retoriche, ma di tecniche narrative relative allo scostamento tra il tempo della narrazione e il tempo della storia. Verga tace per altre ragioni. Nel 1889, anno in cui venne pubblicato il secondo romanzo del ciclo dei vinti Mastro don Gesualdo, uscì anche il romanzo del ventiseienne scrittore Gabriele D’Annunzio, Il piacere, il cui successo decretò anche l’affermazione del movimento dell’Estetismo anche in Italia, favorendo una sensibilità nuova, di stampo decadente, nettamente contrapposta a quella verista e al paradigma culturale positivista. In viaggio con Dante verso le stelle, APPUNTI PER LA MATURITÀ/2 Esercitazione su Pascoli, APPUNTI PER LA MATURITÀ/2 Pascoli e l’attesa della buona novella, APPUNTI PER LA MATURITA’ – Carducci, il classicista che si riconciliò con Dio, Autorizzo, il trattamento dei dati personali. View the profiles of people named Ellis Lupa. Nel 1920 si festeggiarono pubblicamente gli ottant’anni di Giovanni Verga davanti al Ministro della pubblica istruzione Benedetto Croce al Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania. Un' ellissi temporale è un salto temporale nella narrazione di un'opera, consistente nel non riportare gli avvenimenti avvenuti durante il … A Firenze Verga pubblicò, invece, opere di tipo erotico-passionale: Una peccatrice (1866) e Storia di una capinera (1871). La Lupa era alta e magra, aveva soltanto un seno fermo e vigoroso da bruna eppure non era più giovane, e sembrava avesse la malaria addosso, era pallida e aveva delle labbra rosse e fresche. La forza sensuale della donna è vista con la superstiziosa paura del contadino, che dietro la femmina scorge satana: una potenza contro la quale non c'è nulla che valga. La lupa si innamora di Nanni in modo morboso: sentirsene ardere le carni sotto al fustagno del corpetto, e provare, fissandolo negli occhi, la sete che si ha nelle ore calde di giugno. Gli esordi letterari di Verga erano stati di stampo patriottico-risorgimentale: negli anni del periodo catanese (1840-1865) aveva scritto romanzi come Amore e patria, Sulla laguna, I carbonari della montagna. Per approfondire si veda la scheda Allegoria. Sono addirittura trascorsi anni. Nanni e Maricchia si sono sposati, sono nati dei figli, la Lupa ha ottenuto di rimanere in casa con genero e figlia, mai desistendo dal proposito di conquistare il giovane. La novella deve sembrare qualcosa di raccolto tra i campi tanto che «l’opera d’arte sembrerà essersi fatta da sé». ", LETTURE – Il pop della tragedia greca educa al bene, LETTURE – Ilia e Alberto: quando il male mostra la bontà…, Letture – Il Gattopardo: non fu reazionario ma molto umano, LETTURE – La vera storia delle ceneri di Pirandello, IL BELLO DELLA SCUOLA/37 La riscoperta del gusto dell’ovvietà, Radio Maria 26 marzo 2020. E’ una meretrice campestre come la definisce il Verga, e per questo è esclusa dalla società. (La nuova bussola quotidiana del 15-3-2020), Non esitare a contattarmi per qualsiasi domanda che riguarda i miei articoli. La Lupa pagherà con la morte la sua passione per Nanni, che esasperato dalla corte continua a cui era sottoposto dalla suocera arriverà alla decisione di ucciderla. Alla fine decide di rivolgersi al brigadiere per denunciare la madre. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. A questo punto viene inserita la prima ellissi temporale del racconto. Ellissi grammaticale – in linguistica, omissione all'interno di un enunciato di elementi desumibili dal contesto Ellissi – figura retorica Ellissi (o ellisse ) – figura geometrica Sono addirittura trascorsi anni. Pirandello confrontò Verga con il letterato che aveva riscosso il maggior successo in Italia in quei decenni. Nanni e Maricchia si sono sposati, sono nati dei figli, la Lupa ha ottenuto di rimanere in casa con genero e figlia, mai desistendo dal proposito di conquistare il giovane. Descrivere tutto e varcare la soglia del vietato letterario significa spesso limitare la capacità del lettore di interagire con l’opera letteraria. – balbettò Nanni») l’immaginazione del lettore è sollecitata: la morte non è raccontata, tutti si immaginano l’ira omicida di Nanni senza che l’autore la descriva. Risposta preferita. La Lupa, però, non vuole andarsene di casa fino a che non accade che Nanni, ricevuto un calcio da un mulo, rischia di morire e il prete rifiuta di portargli il viatico se la donna rimane nella casa col genero. La Lupa lavorava sodo per mantenersi, quindi sgobbava come qualsiasi altro bracciante e quindi avrebbe potuto ottenere il rispetto di tutti, ma visti i suoi comportamenti che anche oggi sarebbero considerati anche troppo libertini, per la società di allora erano considerati come qualcosa di demoniaco e quindi di cui si doveva avere paura, perciò spieghiamo l'emarginazione della Lupa. Pomocí funkce Nedávné je možné se rychle vrátit k právě prohlíženým souborům. La prima è descrittiva: viene presentata gnà Pina, soprannominata La Lupa, sia nei suoi caratteri fisici (alta, magra) ma soprattutto sono messi in evidenza i suoi elementi più seducenti (seno fermo e vigoroso, labbra fresche e rosse). Gli anni Ottanta costituirono il decennio verista per eccellenza con la pubblicazione de I Malavoglia (1881), Novelle rusticane (1883), Mastro don Gesualdo (1889). Accade allora che la madre acconsente al matrimonio purché le venga ritagliato un piccolo spazio nella casa della futura coppia di sposi. La Lupa: riassunto e analisi A scuola vi hanno assegnato il riassunto della novella La Lupa di Giovanni Verga e all’idea di leggere quelle righe vi sta venendo un attacco d’ansia? Quindi per l’ottica popolare l’azione di denuncia che Maricchia ha fatto a discapito della madre è stata una logica conseguenza di tutto ciò che la madre ha fatto nell’arco della sua vita. Nanni non cerca di discolparsi, anzi dichiara che «è la tentazione dell’inferno» ad indurlo ad un comportamento siffatto. Non conseguì il successo economico per la sua vasta produzione romanzesca e novellistica, che ottenne il plauso della critica, ma non il favore del pubblico. Un giorno riesce nell’intento, svegliando di soprassalto Nanni, stanco e addormentato in un fosso vicino ad una «siepe polverosa». Non disperatevi, perché noi di ScuolaZoo lo abbiamo già fatto per voi. D’altronde se la  società considerava la Lupa in maniera negativa, il giudizio della figlia Maricchia è ben diverso: lei è vista come una vittima che subisce le conseguenze del comportamento della madre, riportando soltanto lei il disagio dovuto all’emarginazione. Oblíbené soubory je také možné označit Hvězdičkou. La novella è ambientata nella campagna siciliana, quindi i luoghi sono esterni e reale. Solo quando la Lupa se ne va, Nanni si confessa, contrito e dispiaciuto per tutto quanto è accaduto. Per questo la gente si fa il segno della croce quando vede quella lupa che non va mai in chiesa, «né a Pasqua, né a Natale, né per ascoltar messa, né per confessarsi». Lo stesso nome, attribuito alla donna dal popolo, sembra prelevato dall’Inferno dantesco dove la lupa rappresenta la cupidigia: anche la gnà Pina è «sazia giammai – di nulla». Un caso esemplare è la bellissima novella La lupa, appartenente a Vita dei campi e più tardi trasposta a livello teatrale e cinematografico. L’emancipazione di questa donna è dovuta proprio alla sua diversità, alle sue diverse necessità. Magari fosse morto in quel momento, è il commento che compare nella novella, solidale a quanto probabilmente pensano tutti gli abitanti del paesino. LA LUPA - E’ la protagonista della novella, una donna sui 35 anni, ma ancora giovane e con due occhi grandissimi, che risaltavano, come le labbra rosse, su una faccia pallida e bianca. Viene chiamata Lupa dai suoi compaesani perche era una donna sensuale che attirava a sè gli uomini anche i mariti delle altre, aveva un modo di fare provocatorio e comportamenti randagi.Il suo innamoramento per un giovane la porta a non farla dormire di notte..il giovane si chiamava Nanni.Pultroppo questo amore non era reciproco poichè Nanni non voleva come moglie la Lupa ma … Overbooking per “La Lupa” , la nuova trasposizione dell’opera di Giovanni Verga nello scenario del Castello di Donnafugata. Nella prima parte la narrazione è caratterizzata da frasi molto brevi, spesso in stile nominale, intervallate dal discorso diretto libero (non introdotto da verbi dichiarativi), da ellissi, e dalla prevalenza del passato remoto, che determinano un ritmo serrato. Fu, invece, la sceneggiatura di una sua novella, Cavalleria rusticana, musicata da Mascagni e rappresentata alla Scala, a fargli conseguire una cospicua somma di denaro. Il campo semantico legato alla lupa e al cane prosegue in tutto il racconto: lei è «sola come una cagnaccia, con quell’andare randagio e sospettoso della lupa affamata». ... ti ammazzo! Così Pirandello sintetizzava i due differenti stili: stile di parole e stile di cose da sempre si sono contrapposti nella letteratura italiana, sottolineava Pirandello, fin dal Trecento quando alla concretezza di Dante Petrarca contrappose la vaghezza e l’indeterminatezza del linguaggio. La sua indole è fondamentalmente portata alla trasgressione, ed è consequenziale il comportamento di Nanni, che per l'esasperazione dalle provocazioni della Lupa, non può far altro se non porre fine alle “tentazioni dell’inferno”. Verga condivide con i naturalisti alcune idee sull’uomo e sulla letteratura: ne accetta la concezione deterministica dell’agire umano e l’idea che la vita interiore sia spiegabile in termini psico-fisici. : sua figlia, giovanetta delicata e triste. Ogni personaggio ha il suo idioletto, cioè il suo linguaggio specifico. Una riproduzione scenografica e … La donna è una “donna fatale”. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Gnà Pina: La protagonista della novella è la Lupa, anche se il suo vero nome è Pina, ma questo è un soprannome molto azzeccato poiché ci rappresenta l'insaziabilità sessuale della protagonista, sempre intenta ad andare dietro agli uomini per cui provava solo ed unicamente attrazione fisica, perché quello che cercava lei non era l'amore ma il piacere. Lei trasgredisce a delle regole morali che tutta la società cerca di rispettare, e proprio questa sua trasgressione è, in un certo senso, la sua rovina, o meglio è proprio questa che determina la sua emarginazione dalla società. Rispondi Salva. Liity Facebookiin ja pidä yhteyttä käyttäjän Ellis Lupa ja muiden tuttujesi kanssa. Lo sarebbe stato solo a partire dalla novella Rosso Malpelo (1878), confluita, poi, nella raccolte Vita dei campi (1880). A questo punto viene inserita la prima ellissi temporale del racconto. I veristi sono, però, anche in disaccordo con i naturalisti su molti punti: la scrittura deve prelevare dalla scienza solo lo scrupolo della rappresentazione oggettiva e impersonale. Falso è sostenere che la letteratura sia subordinata alla sociologia e alla politica, perché l’arte è autonoma, non finalizzata al progresso della società o al miglioramento delle condizioni delle classi sociali inferiori tanto più che i veristi sono pessimisti sull’effettiva possibilità di cambiamento dei poveri e dei diseredati e appaiono fatalisti e pessimisti al riguardo. Nel 1893 Verga ritornò in Sicilia, rinchiudendosi, a quanto è testimoniato, in un cupo silenzio e in un’improduttività letteraria per quasi trent’anni (pubblicò, infatti, pochissimo dopo Mastro don Gesualdo, uscito nel 1889). La Lupa era alta e magra, aveva soltanto un seno fermo e vigoroso da bruna eppure non era più giovane, e sembrava avesse la malaria addosso, era pallida e aveva delle labbra rosse e fresche. I personaggi delle novelle e dei romanzi veristi verghiani (per lo più contadini, pastori, minatori) appartengono ad un mondo ancestrale, dove è più facile analizzare le passioni elementari, e sono connotati da un certo regionalismo, più che italiani sono siciliani, come scrive Capuana: a Verga non basta «che quei suoi personaggi siano italiani: egli va più in là, vuole che siano siciliani […]. Nanni paga «delle messe alle anime del Purgatorio», in segno di penitenza fa «pubblicamente sei palmi di lingua a strasciconi sui ciottoli del sacrato innanzi alla chiesa». Anche i due padri della lingua italiana, Dante e Manzoni, decisero di tacere rispettivamente le vicende di Paolo e Francesca e della Monaca di Monza, con l’endecasillabo «Quel giorno più non vi leggemmo avante» e l’ottonario: «La sventurata rispose». Tanta letteratura contemporanea deve riscoprire il fascino dell’immaginazione che sa viaggiare sulle scie dettate da poche parole dei grandi scrittori. Näytä niiden ihmisten profiilit, joiden nimi on Ellis Lupa. Prova a conquistarlo con la sua seduzione, ma il giovane non cede, perché vuole sposare la figlia di lei. amore incestuoso: presa dalla passione per un uomo più giovane di lei, gli dà in sposa sua figlia pur di stargli vicino. Era il 1872. Nella novella "La Lupa" tratta dall'opera "Vita dei campi" di Giovanni Verga si possono individuare sei sequenze. un popolo che non poteva tollerare questa trasgressione e che vedeva nell’azione della Lupa un’influenza demoniaca. Ma in che cosa consistono lo sguardo e la poetica verista? L’agire della folla … © Copyright 2020 - Giovanni Fighera. La conversione di Verga al verismo avvenne gradualmente dopo che conobbe lo scrittore Luigi Capuana, considerato il maestro del verismo italiano. La rappresentazione. La Lupa è un personaggio fuori da ogni regola morale e sociale, per questo temuta proprio perché il suo unico scopo nella vita era quello di soddisfare la sue voglie e perciò è disposta a mettere in gioco tutto della sua vita; per legare comunque a sé Nanni costringe la figlia a sposarlo e anche dopo il matrimonio lei continua a corteggiare il genero, non considerando minimamente sua figlia. Tutti i diritti riservati. La vedova di Mastro Misciu Bestia e la sorella di Malpelo si sposano entrambe e vanno a stare a Cibali, chiudendo la porta di casa e abbandonando completamente il ragazzo. Il grande regista italiano Luchino Visconti, trasponendo il romanzo I Malavoglia nel film La terra trema, sceglie pescatori siciliani che parlano nel loro dialetto mostrandoci come il siciliano stretto (quello parlato dai pescatori di Aci Trezza) sarebbe inaccessibile, mentre la lingua delle opere di Verga è, invece, perfettamente comprensibile ad un lettore di cultura media. Con il discorso indiretto libero (trascrizione dell’Erlebte rede, o «discorso rivissuto», termine coniato dal critico tedesco Leo Spitzer) Verga riporta il pensiero o le parole dei personaggi così come i personaggi potrebbero pensarli o pronunciarli nella realtà. Il popolo affianca a quella donna anche l’immagine del demonio: la lupa ha gli «occhi da satanasso» e, poi ancora, leggiamo che «il diavolo quando invecchia si fa eremita». RAGUSA – Dopo il successo di giorno 17 (visibile a questo link), ritorna “La Lupa” al Castello di Donnafugata per soddisfare il desiderio di quel pubblico che non aveva potuto assistere alla performance.Un volere sostenuto dall’Assessore Sindaco Peppe Cassì e e dall’Assessore alla cultura Ciccio Barone del Comune di Ragusa. Verga costruisce attorno alla protagonista femminile un’aura infernale. È un amore carnale e passionale, istintivo, come la fame e la sete (insistite le metafore del mangiare e del bere). Dopo due mesi la Lupa acconsentì alle nozze e offrì la sua casa a patto che le lasciassero un posto per dormire. Dopo aver ottenuto quanto desidera, la Lupa se ne va via «riannodando le trecce superbe» e, poi, ritorna tante altre volte nell’aia per incontrare il genero.